Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Striscia di Gaza: resta altissima la tensione dopo l’attacco a Tel Aviv

Tempo di lettura: 2 minuti

TEL AVIV – Rimane alta la tensione in Israele dove sono tornate a suonare le sirene d’allarme nelle comunità vicino alla Striscia di Gaza, bombardata ripetutamente dopo il lancio ieri di un razzo che è caduto a nord di Tel Aviv, facendo 7 feriti. Dal canto suo, Israele ha risposto con ripetuti raid dell’aviazione, ferendo complessivamente 25 palestinesi in maniera non grave. Dopo un primo intervento dell’Egitto, che “e’ riuscito a mediare un cessate il fuoco tra la resistenza palestinese e l’occupazione israeliana, oggi a Gaza la vita sarebbe tornata alla normalità. Nelle ultime ore sono cessati i lanci di razzi dalla Striscia e la sensazione generale, riferiscono fonti locali, è che stia prendendo piede un cessate il fuoco con Israele. Su istruzione delle autorità di Hamas, tutte le scuole sono state aperte e così pure gli uffici pubblici. Negli ospedali è stato allentato lo stato di allerta.
Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ritornato in anticipo dalla visita negli Stati Uniti, si è incontrato con il capo di Stato maggiore, Aviv Kochavi, e ha dato ordine di muovere nel settore del Comando meridionale – in prossimità dell’enclave palestinese – un’altra divisione di fanteria e un battaglione di artiglieria. Inoltre, è stata approvata la mobilitazione di riserve aggiuntive.
Sembra però che la tregua che era stata annunciata da Hamas – “calma in cambio di calma” – non sia stata riconosciuta da Netanyahu, che in mattinata avrebbe dato il via libera a nuovi raid mentre dall’enclave miliziani continuavano sporadici lanci di razzi e palloni incendiari verso Israele.

Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu si riunirà per discutere la situazione in Medio Oriente dopo il lancio del razzo da Gaza a Israele e l’offensiva contro Hamas.
Hamas deve sapere che “non esiteremo a entrare e fare tutti i passi necessari” collegati “ai bisogni di sicurezza di Israele”, ha detto il premier israeliano, Benyamin

Anche l’Europa ha respinto la contromossa: i cinque Paesi che siedono nel Consiglio di Sicurezza dell’Onu – Belgio, Gran Bretagna, Francia, Germania e Polonia – hanno espresso forti preoccupazioni per le ampie conseguenze nella regione, ribadendo che la posizione europea non è cambiata e il Golan resta un territorio occupato.

Nel frattempo, continua a suscitare fortissima opposizione la decisione del presidente americano, Donald Trump, di riconoscere formalmente la sovranità israeliana sulle Alture del Golan. Condanna è arrivata da Arabia Saudita, come da Iran, Russia e Cina; da Beirut, il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, ha esortato a resistere.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci