Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Pubblicità

La libreria Pescebanana: Umberto Bruno e il suo mondo incantato

I Pescebanana, sono i protagonisti di un racconto di Salinger dove la bambina protagonista all’inizio non ci crede ma è poi tanto desiderosa di vivere l’avventura che infine finge persino di vederli, e da qui si capisce che chi frequenta la libreria può entrare in un mondo di favola…

186

A colloquio con Umberto Bruno proprietario della libreria Pescebanana in via Umberto n.199 a Catania

Chi è Umberto Bruno?

Umberto Bruno è solo un ragazzo che vive forte e giornalmente il desiderio di diventare un uomo. In questa scelta ha deciso di non rinunciare all’incoscienza e la meravigliosa attitudine delle menti giovani: guardare al futuro con il coraggio di essere all’altezza delle proprie ambizioni. Sono diventato un libraio perché ho sentito forte l’urgenza d’impiegare il mio tempo con qualcosa che rendesse chiara la mia identità, e che divenisse tramite e incontro per altri con lo stesso desiderio.

Perchè il nome Pescebanana?

l Pescebanana è un elemento narrativo preso in prestito da un racconto di J. D. Salinger, tale “Un giorno ideale per i Pescibanana”, contenuto nella raccolta “Nove racconti”, nella cui breve trama un giovane ex militare incontra una bimba in spiaggia, nel tenero approccio di dedicarle del tempo avventuroso, le confida che quel giorno appunto, sarebbe stato ideale per incontrare i Pescebanana, la bambina all’inizio non ci crede ma è poi tanto desiderosa di vivere l’avventura che infine finge persino di vederli. Ecco, in verità il racconto di Salinger ha ben altre tematiche di rilievo, ma quando mi sono chiesto quale potesse essere l’aggancio fra le persone e la lettura, ho subito pensato al “Pescebanana”, a questo desiderio di aspettativa oltre la propria realtà, oltre il proprio tempo, oltre ciò che solitamente ci viene concesso. Il libro non è altro che questo desiderio, di voler vivere un’avventura, una scelta, un incontro che può cambiarti la vita, e non esagero a questo proposito, poiché proprio nelle opere di questo grandissimo scrittore americano ho trovato e definito la mia stessa identità, scoprendo un cuore non timoroso di vivere oltre sé.

Che differenza c’è tra un venditore di libri e un libraio?

Oltre ciò che può apparire ovvio, credo che il libraio si differenzi già solo per vocazione. Il movimento che questa genera, legando passione, accoglienza, ricerca e attitudine, restituisce un “buon senso” a un lavoro che potrebbe facilmente ricadere nelle logiche del comune mercato della vendita di qualsiasi prodotto.

Come si fa cultura se la gente non legge?

La cultura si muove nonostante si legga meno. Tutti siamo affamati di comprensione e già solo nella palese ricerca odierna d’identità la cultura si muove silenziosamente. Da parte mia, mi è caro il tentativo di creare momenti (cineforum – presentazioni – seminari) dove i partecipanti possano anche sentirsi protagonisti e in questo gioco lasciare che le identità entrino in comunicazione. Il libro è sempre una bella scusa per parlare di sé.

Ma è proprio vero che la gente non legge?

Si legge meno, questo è innegabile. Forse però, proprio per questo, chi legge ha la percezione di far qualcosa di prezioso.

Ormai i libri si possono acquistare on line qual è la differenza con una libreria reale?

La differenza è che on line non puoi vedere tremare gli occhi e le braccia di un libraio quando ti consiglia una buona lettura.

Quali sono i generi letterari che ospiti in libreria?

La libreria Pescebanana ospita tutti i generi, dalle storie illustrate per bambini alla saggistica più specifica. L’unica accezione è che ho scelto di dedicare i miei scaffali all’editoria indipendente, cioè a quegli editori non legati commercialmente a grandi gruppi economici, proprio perché sono dell’idea che i tanti soldi prima o poi sono lì a pizzicarti il sedere, chiedendoti di rinunciare a qualcosa per favorire il mercato. Gli editori indipendenti scelgono con molta cura i libri sui quali investire e questa differenza si vede, anzi, si legge.

Le librerie oggi sono centri di produzione culturale ci puoi raccontare quello che succede nel tuo spazio?

La libreria Pescebanana, proprio per quella vocazione all’incontro di cui ti parlavo, ospita tantissimi eventi settimanali: corsi di scrittura, cineforum, presentazioni, gruppi di lettura, laboratori per bambini, e tanto altro… Tra le cose delle quali sono più orgoglioso spicca il gruppo di lettura curato da Vera Navarria, giovane e promettente scrittrice e attivista catanese, intitolato “I libri delle donne” e all’interno del quale Vera ci accompagna nella scoperta di moltissime scrittrici italiane ormai dimenticate dall’editoria mainstream. A Vera devo molto, poiché sempre si renderà necessaria la riconoscenza quando una scoperta viene condivisa.

Il prossimo evento per i bambini

 

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci