L’autore della strage in Nuova Zelanda minacciato in carcere

di
Brenton Tarrant sarebbe nel mirino delle bande locali anche all'interno delle istituzioni carcerarie

Brenton Tarrant, il terrorista australiano 28enne autore della strage di venerdì in diverse due moschee di Christchurch, sarebbe nel mirino delle gang criminali locali che minacciano ritorsioni contro di lui in carcere. A riferirlo in un comunicato il New Zealand Herald. “Anche noi abbiamo amici in prigione”, avrebbe detto uno dei membri di una banda all’Herald, lasciando intendere una minaccia. Si legge ancora nell’articolo che i membri di una gang locale sono andati a offrire il loro sostegno alle famiglie delle vittime fuori da una scuola: “Siccome sono venuti in Nuova Zelanda, adesso sono dei nostri. Sono la nostra gente”, – hanno spiegato aggiungendo che quello che Tarrant ha fatto – – “è stato disgustoso”, “sbagliato in ogni modo possibile”. Anche un avvocato penale, Kim Workman, ha dichiarato di aver saputo da una fonte indipendente che Tarrant potrebbe essere in pericolo in carcere. “Criminal justice advocate Sir Kim Workman said he’d heard from an independent source that Tarrant could be in danger in prison”.