Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Agrigento, sgominata filiera della marijuana

10

E’ stato un drone a permettere ai Carabinieri della Stazione di Licata di scovare, ben nascoste tra gli alberi di cachi, oltre diecimila piante di canapa indiana. Così, nella notte tra il 17 e il 18 ottobre, i militari hanno fatto un blitz in un fondo agricolo nelle campagne di Naro, in provincia di Agrigento: sono state sequestrate oltre trenta tonnellate di marijuana, in parte già essiccata e pronta per essere venduta nelle piazze dedicate allo spaccio di droga. Si tratta di uno dei quantitativi di stupefacente più corposi mai rinvenuti in Sicilia: a testimoniarlo anche il valore al dettaglio del materiale sequestrato, che supera i quindici milioni di euro. Tre le persone arrestate, trovate anche in possesso di un’arma da fuoco. I Carabinieri di Licata avevano iniziato a sorvegliare l’area circa 45 giorni fa, utilizzando metodi investigativi tradizionali e anche la tecnologia di ultima generazione, come appunto il drone. Durante la conferenza stampa svoltasi al Comando Provinciale Carabinieri di Agrigento, il colonnello Giovanni Pellegrino ha spiegato: ‘L’importante è aver tolto dalle piazze dello spaccio un enorme quantitativo di marijuana. Si tratta di un’operazione che parte dal controllo e dalla conoscenza perfetta del territorio da parte della Stazione Carabinieri e della Compagnia di Licata, che ha permesso di fare luce sull’esistenza di una vera e propria filiera dello stupefacente. Riteniamo di avere inferto un duro colpo a questo traffico’.

Il capitano della Compagnia di Licata, Francesco Lucarelli, ha aggiunto: ‘Non è stato facile individuare la maxi piantagione perché era ben nascosta tra ettari ed ettari di terreno fra Naro e Campobello di Licata. Quando abbiamo capito di chi fossero i terreni, abbiamo deciso di intervenire rapidamente e in maniera silenziosa. Non appena preso il primo soggetto, nel casolare dove sono state rinvenute la marijuana già confezionata e la pistola, non abbiamo fatto alcun rumore, tant’è che siamo arrivati al secondo essiccatoio dove sono stati sorpresi i due operai intenti alla lavorazione della marijuana che non si erano assolutamente resi conto dell’attività in corso’.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci