spot_imgspot_img
HomeCulturaReperti del British Museum venduti su eBay, indaga anche l'Fbi

Reperti del British Museum venduti su eBay, indaga anche l’Fbi

Pubblicità

(Adnkronos) – L’Fbi sta indagando sulla vendita ad acquirenti statunitensi di quelli che si sospetta siano centinaia di tesori antichi del British Museum di Londra. Secondo un servizio della Bbc, l’agenzia federale della polizia statunitense ha anche fornito assistenza per la restituzione di 268 oggetti, che il museo londinese sostiene siano di sua proprietà, venduti a un collezionista di Washington. 

Il British Museum ha annunciato l’anno scorso che gemme antiche, gioielli e altri oggetti della sua collezione erano scomparsi, rubati o danneggiati. Un acquirente, residente a New Orleans, ha raccontato alla Bbc che un agente dell’Fbi gli ha inviato un’e-mail chiedendo informazioni su due antichi reperti preziosi che aveva acquistato su eBay. L’agente dell’Fbi ha detto che stava assistendo la polizia metropolitana nell’indagine su oggetti mancanti o rubati dal British Museum. L’acquirente ha dichiarato di non essere più in possesso di nessuna delle due gemme e di non credere che siano state rintracciate dalle autorità. L’Fbi non gli ha chiesto ulteriori informazioni. 

Il British Museum afferma che dei 1.500 oggetti che stima siano stati rubati o mancanti, 626 sono stati finora recuperati e altri 100 sono stati trovati ma non ancora riportati nei depositi del museo. La maggior parte degli oggetti che il museo ritiene siano stati rubati non erano catalogati e si sta ancora cercando il modo di dimostrare che provengano dalla sua collezione. In alcuni casi, i collezionisti accettano di donare gli oggetti al museo affinché il personale possa valutarli. Un curatore senior, Peter Higgs, è accusato dalla direzione del British Museum di aver rubato, danneggiato, fuso e venduto manufatti antichi. Higgs ha negato le accuse. Il museo, invece, ha dichiarato di ritenere che il dottor Higgs abbia intascato complessivamente circa 100.000 sterline. 

Secondo i documenti del tribunale in una causa civile che il museo sta intentando contro il su ex curatore Higgs, si ritiene che egli abbia rubato oggetti per almeno un decennio, vendendo per lo più oggetti non registrati dai magazzini del museo. Il museo ritiene che Higgs, che è stato licenziato, abbia venduto oggetti ad almeno 45 acquirenti su eBay. 

Tre acquirenti hanno dichiarato che il venditore “sultan1966” si è presentato come “Paul Higgins” o “Pau” su eBay o via e-mail con loro. Sempre secondo i documenti del tribunale, il museo afferma che Higgs ha ammesso che l’account “sultan1966” gli apparteneva. L’acquirente di New Orleans, Tonio Birbiglia, ha dichiarato alla Bbc di aver acquistato due oggetti da “sultan1966”. Il British Museum non ha ancora esaminato questi oggetti, quindi deve ancora stabilire se appartengono alla sua collezione: uno era una gemma di ametista raffigurante un Cupido – il dio romano dell’amore – a cavallo di un delfino, che Birbiglia ha acquistato per 42 sterline nel maggio 2016; l’altra era una gemma arancione raffigurante uno scarabeo, acquistata per 170 sterline. Birbiglia ha inviato il pagamento per questo oggetto a un conto PayPal, registrato con l’indirizzo e-mail personale di Higgs. 

Birbiglia, che all’epoca lavorava per una galleria di antichità, ha dichiarato alla Bbc di essere rimasto “completamente scioccato” quando l’Fbi lo ha contattato e ha detto che probabilmente aveva comprato le gemme per rivenderle.  




Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli