La “Carta di Agrigento” per la valorizzazione dei Beni culturali

di

Il percorso verso una nuova agenda europea per la Cultura è partito. Da Agrigento, tra i più illustri e conosciuti siti archeologici della Magna Grecia, amministratori e addetti al settore hanno messo insieme una prima serie di punti programmatici di quella che sarà la “Carta di Agrigento”. Il calcio d’inizio è stato dato con la firma del documento da parte del vicepresidente del Comitato delle Regioni e presidente del Consiglio nazionale Anci, Enzo Bianco e del sindaco di Agrigento, Lillo Firetto. Adesso la palla passa ai sindaci e ai delegati italiani al Comitato delle Regioni, che arricchiranno la Carta con proposte e idee per poi portarla all’attenzione delle istituzioni europee.

“La proposta per una nuova agenda europea per la cultura che prende vita oggi ad Agrigento – ha commentato Bianco – sarà sottoposta alla firma degli 8mila Comuni italiani e potrà essere sottoscritta anche da associazioni e operatori di settore. Già la settimana prossima porteremo la Carta di Agrigento a Bruxelles al Comitato delle Regioni. Da lì, integrata con altre proposte e idee dei delegati italiani, partirà un secondo percorso che porterà ad un documento unitario da presentare alle nuove istituzioni europee”.
“Questo primo step – ha aggiunto il vicepresidente del CdR – ci è servito per porre le basi e i principi fondanti di un documento che ha come richieste principali una legislazione meno farraginosa, risorse adeguate per incrementare gli investimenti e incoraggiamento dei giovani ai consumi culturali”.
“La Carta di Agrigento – ha spiegato da parte sua il sindaco di Agrigento Lillo Firetto – è un canovaccio che stabilisce direttrici attraverso le quali le città creano leva culturale e creano sviluppo oltre che coesione territoriale. Sarà un punto di partenza che nasce non più da enti sovrapposti ma che nasce proprio dalle città”.
Presente alla due giorni siciliana anche il direttore generale dell’Agenzia per la Coesione territoriale, Antonio Caponetto.
“La cultura – ha detto – è stata identificata come uno dei quattro temi “unificanti” nella discussione in vista della preparazione dell’accordo di partnerariato tra Italia e Commissione Europea per il ciclo di programmazione 2021-2027. Sarà quindi – ha aggiunto Caponetto – uno degli obiettivi sfidanti su cui investire le risorse della coesione. Cultura e patrimonio culturale costituiscono un’asset nazionale e gli investimenti su questo settore devono servire a promuovere lo sviluppo dei territori, incentivando l’industria culturale e il legame con il turismo”.