Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Corti in Cortile: a Catania un bando per “Smart” movie

La sezione dedicata ai corti girati esclusivamente con smartphone è una novità 2019

101

L’undicesima edizione di Corti in cortile quest’anno scommette anche sui nuovi media, anzi proprio su quelle tecnologie non pensate e costruite per fare cinema. La cinematografia è un’arte che può essere alla portata di tutti ma che allo stesso tempo non è per tutti. Ma visto che oggi le dinamiche sociali e culturali contemplano come spunto d’interesse l’immagine nel senso di elemento che cambia forma, contenuto e disposizione continua, diventa cruciale l’inafferrabilità spiccatamente emozionale di un nuovo strumento, quale lo smartphone, che è alla portata di tutti, contrapposto a tutto ciò che ha contraddistinto la generazione cinematografica classica all’interno di una professionalità tout court. Fino ad oggi la cinematografia, grazie anche l’avvento della digitalizzazione, ha creato delle possibilità un po’ meno ristrette e comunque entro una circoscritta cerchia di esperti e tecnici che hanno monopolizzato la conoscenza e il modo di fare film e per far ciò si è servita di professionisti, di attori e di figure che orbitano attorno al mondo dell’industria del cinema. Con l’avvento delle nuove piattaforme online e della diffusione massificata delle nuove tecnologie video, a costi oggi accessibili, è stato possibile vedere la nascita di nuove figure come quelle degli youtubers o degli influencers. Questi nascono prima indipendenti, scommettono tutto sul doppio o niente, poi coloro che ottengono una certa notorietà si professionalizzano. Ma importante riconoscere che per poter individuare un successo bisogna prima inventare quel tipico framework che si affermi cristallizzando la riconoscibilità, insomma un metodo che venga identificato in maniera univoca. E allora può diventare estremamente importante il mezzo “smartphone” usato per fare cinema: in maniera professionale come il caso di Unsane(2018) di Steven Soderbergh, presentato fuori Concorso alla Berlinale, girato tutto con l’iPhone (modello 7 Plus, ne sono stati utilizzati tre) la cui camera integrata è stata potenziata da una app (FiLMiC Pro) e il caso recentissimo di Napoli in cui il documentario di Agostino Ferrente “Selfie”(2019), in sala dal 30 maggio prossimo e presentato in anteprima mondiale alla scorsa Berlinale nella sezione Panorama ne sono l’esempio. L’idea di Davide Catalano Direttore artistico di “Corti in Cortile” è proprio quella dare alla manifestazione catanese quello spunto innovativo rispetto alla cultura cinematografica che possa spingere i più giovani e forse i meno esperti a mettersi in discussione. E costoro possono anche trasmettere emozioni e verità ma anche falsità che possono suggestionare attraverso un messaggio che può essere alla portata di tutti. Nasce così un bando aperto a tutti coloro che vogliono partecipare.
Il Bando nel dettaglio:

Smart movie

La sezione Smart movie che, quest’anno sarà inaugurata durante l’XI Edizione del festival Corti in Cortile – il Cinema in breve, sarà aperta a tutti coloro che realizzeranno produzioni esclusivamente con smartphone.

Qui di seguito vi sono le regole per poter partecipare:

  • Smart movie consente cortometraggi di tutti i generi di cinema e genere (dramma, commedia, sci fi, horror, sperimentale, animazione, thriller, ecc.);
  • Non c’è limite al numero di cortometraggi presentati dallo stesso partecipante;
  • I cortometraggi presentati devono essere girati con lo smartphone ed è molto importante indicare marca e modello di smartphone. L’uso di droni o actioncamera è consentito in un massimo del 10% della lunghezza totale delcortometraggio;
  • È consentito utilizzare qualsiasi software per la modifica, la post-produzione oil trattamento di immagini. È anche permesso durante le riprese di utilizzareelementi esterni (microfoni, illuminazione, dolly, ecc.)
  • I cortometraggi devono avere una qualità non inferiore a 1080p.

Formati: mov, wmv, avi, mp4 (h264), mkv;

  • Tutte le persone o gli spazi privati che compaiono nei cortometraggi devonofarlo secondo il loro consenso. Non accettiamo cortometraggi che contengonomateriale discriminatorio e / o violano la dignità delle persone;
  • I cortometraggi non devono superare i 5 minuti, crediti inclusi;
  • I cortometraggi devono essere inviati tramite la piattaforma online filmfreewayal seguente link: https://filmfreeway.com/festival/cortiincortile ;
  • I cortometraggi possono essere inviati su filmfreeway dal 23 Aprile al 7 Luglio dell’anno in corso. I film presentati dopo questa data non entreranno nell’edizione corrente del festival;
  • Per partecipare non ci sono limiti di età, ma se i registi hanno meno di 18 anni è obbligatorio inviare un’autorizzazione firmata dai loro genitori o tutori legali alla nostra email info@cortiincortile.it .Inoltre si cercano 5 giurati liceali e 5 universitari per valutare i cortometraggi che verranno proiettati nella sezione Smart movie. Qualora foste interessati, inviare la propria candidatura ad info@cortiincortile.it entro il 31 Luglio dell’anno in corso.
    I giurati selezionati riceveranno comunicazione entro Agosto 2019.
Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci