Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280
Foto archivio

Vìola gli arresti domiciliari, tradotto in carcere

I Carabinieri della Stazione di Camporotondo Etneo, in esecuzione di un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare emessa dal Tribunale di Catania, hanno arrestato il 52enne Giacomo STECCATO, di San Pietro Clarenza.
L’uomo, soltanto lo scorso 19 giugno, era stato protagonista di un rocambolesco furto in Mascalucia di una Fiat 500; in particolare lo STECCATO, a bordo di un camion, aveva dato ausilio ad un complice che si era dileguato a bordo dell’autovettura rubata ma, inaspettatamente, il legittimo proprietario si era accorto di quanto stava accadendo, lanciandosi così all’inseguimento.

Le manovre spericolate dello STECCATO, però, hanno fatto sì che il pesante veicolo uscisse fuori strada.

L’aggravamento della misura cautelare è stato motivato dalla violazione delle prescrizioni degli arresti domiciliari che, compendiata dai militari all’Autorità Giudiziaria, ha determinato il suo trasferimento presso il carcere catanese di Piazza Lanza.

I commenti sono chiusi.