Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Catania
Squadra mobile: Falchi individuano ed arrestano in flagranza due pusher

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – La Polizia di Stato ha tratto in arresto COTRONE Carmelo Pietro (classe 1967) e VECCHIETTI Sebastiano Gabriele (classe 1992), Il primo per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di cocaina e il secondo per detenzione ai fini di spaccio di marijuana.
Nell’ambito dei servizi predisposti dal Questore di Catania finalizzati al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli operatori della Squadra Mobile, Sezione “Contrasto al Crimine Diffuso”, nel corso degli ultimi giorni, hanno arrestato in flagranza di reato due soggetti, entrambi con precedenti penali specifici.
Nel primo caso, nel quartiere “Pigno”, i “Falchi hanno assistito a uno scambio di droga in flagranza: il Cotrone, infatti, è stato sorpreso mentre cedeva 2 grammi di cocaina a un giovane originario di Enna in cambio di 160 euro. Effettuata la cessione, si è provveduto a bloccare il “pusher” e l’acquirente. La successiva perquisizione personale e domiciliare a carico dello spacciatore, con precedenti specifici, ha permesso di rinvenire ulteriori 4 grammi di cocaina, vari tipi di sostanze da taglio su cui sono in corso accertamenti della Polizia Scientifica, due bilancini di precisione e svariato materiale da confezionamento nonché un migliaio di euro in contanti. Il giovane ennese è stato sanzionato amministrativamente quale assuntore.

Nel secondo caso, nel quartiere “Picanello”, le pattuglie dei “Falchi”, avendo notato da giorni dei continui “movimenti” sospetti di giovani che senza motivo apparente, si recavano in una via senza sbocco nella quale non erano presenti esercizi commerciali che giustificassero tale viavai. I successivi accertamenti, uniti a un breve appostamento, hanno permesso di individuare l’abitazione del Vecchietti, soggetto sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento in prova al Servizio Sociale proprio per i precedenti in materia di stupefacenti, quale possibile luogo di spaccio. Si è proceduto, quindi, a effettuare una perquisizione durante la quale l’uomo ha provato inutilmente a disfarsi della sostanza illecitamente detenuta. Prima ha lanciato un barattolo pieno di marijuana “Skunk” che è stato raccolto al volo da personale appositamente piazzato sulle possibili “vie di lancio”, poi ha provato a scaricare nel water la restante parte, non riuscendovi a causa dell’intervento dei poliziotti. In totale è stato sequestrato un etto e mezzo circa di marijuana, materiale per pesatura e confezionamento e alcune centinaia di euro in contanti.
Entrambi i soggetti sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa di determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci