Sicilia Report
Sicilia Report

Catania
Sequestro armi da guerra, tra cui bombe a mano, a disposizione dei “clan”

La bomba a mano fabbricata nella ex Jugoslavia e utilizzata nella guerra dei Balcani

CATANIA – Alla luce degli ultimi fatti di sangue, che hanno dimostrato come gli equilibri tra i clan mafiosi catanesi siano spesso alquanto precari, i Carabinieri del Comando Provinciale di Catania hanno intensificato i controlli dei quartieri a rischio della città, nell’ottica di contrastare con ancora maggiore efficacia le attività poste in essere dai sodalizi criminali.

Bottone 980×300

In tale quadro si inserisce l’operazione della scorsa notte che ha consentito di rinvenire e sequestrare delle armi da guerra nel quartiere Monte Po’ storicamente controllato dal clan dei “Cappello”.

Ad operare sul campo i Carabinieri del Nucleo Radiomobile i quali, all’esito di alcune perquisizioni, hanno rinvenuto in uno scantinato comune (locale protetto da una porta in ferro) di un condominio di via Salvatore Salomone Marino un borsone nero abilmente occultato le seguenti armi e munizioni:
 un Fucile d’Assalto AK 47 Kalashnikov cal.7,62, completo di serbatoio;
 una bomba a mano da guerra M-75, fabbricata nella ex Jugoslavia e utilizzata nella guerra dei Balcani;
 34 cartucce per fucile cal. 12;
 6 cartucce cal. 7,65 per pistola semi automatica;
 46 cartucce cal. 9×21 per pistola semi automatica;

Sul posto sono intervenuti gli Artificieri Antisabotaggio del Comando Provinciale per porre in sicurezza e repertare l’ordigno bellico, in grado, qualora incautamente maneggiato, di provocare gravissimi danni a persone e cose.

Commenti