Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280
Foto archivio

Rapina gioielleria in Germania, accolta richiesta mandato di arresto europeo

La Polizia di Stato ha arrestato un 23enne destinatario di ordine di esecuzione, emesso dalla Corte d’Appello di Catania a seguito di Mandato di arresto Europeo della Procura di Bielfeld (Germania), poiché gravemente indiziato di aver commesso, in concorso con altri sei complici, una rapina in una gioielleria a Gutersloh, sempre in Germania e, per tale motivo è stata richiesta alle autorità italiane la sua consegna.
Ad eseguire il predetto mandato europeo sono stati gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Adrano, diretto dal Vice Questore Paolo Leone.
La Corte di Appello di Catania ha accolto tale richiesta e ha disposto la consegna dell’arrestato alla Germania che ha emesso il mandato di arresto.

Tuttavia, poiché il giovane è rimasto sino al 15 luglio sottoposto alla misura degli arresti domiciliari per un procedimento penale pendente in Italia, poiché era stato arrestato nel mese di luglio 2017 nell’ambito dell’operazione denominata “Illegal duty”, che aveva decapitato il clan mafioso Scalisi di Adrano, la sua consegna alla Germania era stata rinviata.

Pertanto, essendo intervenuta la revoca della predetta misura custodiale degli arresti domiciliari, è adesso possibile procedere alla materiale consegna dell’indagato, e per tale motivo gli operatori del predetto Commissariato di Adrano, nella serata di giovedì scorso, hanno proceduto a prelevarlo presso la sua abitazione e a tradurlo, dopo le formalità di rito, presso la casa circondariale Piazza Lanza di Catania, dove rimarrà per dieci giorni a disposizione dell’Autorità Giudiziaria italiana in attesa di essere consegnato alle autorità tedesche.

I commenti sono chiusi.