Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280
Foto archivio

Raid vandalico a Corleone, incendiato portone chiesa Sant’Agostino

Prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani: "gesto non resterà impunito"

Palermo, 1 mar. – Vandali in azione a Corleone, nel Palermitano, dove stamattina all’alba sono state appiccate le fiamme al portone della storica chiesa di Sant’Agostino. Un risveglio amaro per la comunità nel giorno in cui si svolgono i riti religiosi per la ricorrenza del santo patrono. “Esprimiamo la più forte solidarietà alla Chiesa di Corleone, al parroco di san Leoluca, Luca Leone, e a tutta la comunità, ferita proprio nel giorno della festa del patrono del paese, san Leoluca”, dice il segretario Cgil Palermo, Mario Ridulfo.

Pubblicità

“In attesa di capire le dinamiche e le responsabilità di questa azione- aggiunge -, condanniamo un gesto che colpisce al cuore i sentimenti di una intera comunità, impegnata in una grande opera di riscatto e di progresso in nome della legalità e dello sviluppo”. Il sindacato chiede agli investigatori di “fare luce al più presto per individuare i responsabili di questo atto e comprendere le motivazioni alla base di questa azione”. “La Camera del lavoro di Corleone – aggiunge il segretario Cosimo Lo Sciuto – esprime vicinanza alla comunità parrocchiale di San Leoluca. Siamo certi che quel che stamani è accaduto darà ulteriori stimoli per l’opera di evangelizzazione ed emancipazione che da anni viene portata avanti nel nostro centro”.

Il prefetto di Palermo, Giuseppe Forlani, in un colloquio telefonico con il vescovo di Monreale e il sindaco di Corleone ha “fermamente” condannato l’atto incendiario che ha gravemente danneggiato il portone di ingresso della Chiesa di Sant’Agostino e ha espresso “la solidarietà e la vicinanza dello Stato alla comunità corleonese colpita nel giorno della ricorrenza del SantoPatrono”. Il prefetto ha confermato “il massimo impegno” delle forze di polizia nelle indagini. “L’incendio del portone della Chiesa di Sant’Agostino – ha assicurato il prefetto – non resterà impunito”.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: