Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

Dagli arresti domiciliari a Giardini Naxos: senegalese va in carcere

Uno dei 12 indagati tratti in arresto nella notte di martedì scorso in esito ad un’articolata indagine della D.I.G.O.S. che ha consentito di sgominare un’associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina

CATANIA – Nel pomeriggio di ieri la D.I.G.O.S. della Questura di Catania ha arrestato SOW Sahada, detto “Daouda”, nato a Medina Gouna (Senegal) l’1.10.1980 in esecuzione alla misura coercitiva della custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini preliminari del Tribunale di Catania su richiesta della Procura della Repubblica, in sostituzione della misura degli arresti domiciliari applicata allo stesso lo scorso 23 luglio ed eseguita nel corso dell’operazione “Si può fare”.
SOW Sahada è uno dei 12 indagati tratti in arresto nella notte di martedì scorso in esito ad un’articolata indagine della D.I.G.O.S. che ha consentito di sgominare un’associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina mediante la concessione e/o falsificazione di documenti inerenti la permanenza ed il soggiorno nel territorio dello Stato.
L’associazione, la cui operatività era corroborata dalla presenza tra gli adepti di un funzionario comunale e due ispettori della Polizia Municipale, forniva illecitamente ai richiedenti, a fronte di adeguati pagamenti stabiliti da un preciso tariffario, diversificate tipologie di servizi atte a risolvere problematiche di natura alloggiativa e reddituale, sia mediante soluzioni di tipo pratico che, se necessario, tramite la preparazione di falsa documentazione realizzata ad arte.
Il giro di affari delle attività illecite riscontrate produceva introiti giornalieri ammontanti a diverse migliaia di euro.
La richiesta di aggravamento avanzata dalla locale Procura a carico di SOW Sahada, accolta pienamente dal G.I.P., è scaturita dall’attività eseguita della locale D.I.G.O.S. successivamente alla sottoposizione dell’indagato agli arresti domiciliari, dalla quale è emerso che lo stesso, in violazione al citato regime detentivo, già la sera successiva all’arresto lasciava la propria abitazione e si allontanava dal capoluogo etneo trascorrendo l’intera nottata in zona Giardini Naxos, palesando in tal modo la necessità di adeguare la misura detentiva degli arresti domiciliari con quella coercitiva della custodia cautelare in carcere.
Attività questa che ha evidenziato l’attenzione continua della Polizia al rispetto delle misure stabilite dall’Autorità Giudiziaria.

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: