spot_imgspot_img
HomeProvinceCataniaProcesso spese pazze, cinque condanne tra cui sindaco Catania Pogliese: sarà sospeso

Processo spese pazze, cinque condanne tra cui sindaco Catania Pogliese: sarà sospeso

Palermo, 23 lug. – Cinque condanne per il processo sulle cosiddette ‘spese pazze’ all’Assemblea regionale siciliana. Tra gli ex deputati regionale siciliani condannati c’è anche il sindaco di Catania Salvo Pogliese, a cui i giudici hanno inflitto la pena a 4 anni e tre mesi di reclusione. Come prevede la legge Severino, Pogliese dovrà essere sospeso dalla sua carica. L’Unico assolto è l’ex deputato Giambattista Bufardeci.

Pubblicità

Gli imputati sono tutti accusati di peculato continuato per avere utilizzato fondi dei gruppi parlamentari che rappresentavano. condannati Giulia Adamo a 3 anni e sei mesi, Cataldo Fiorenza a 3 anni e 8 mesi. Rudy Maira a 4 anni e sei mesi, Livio Marrocco a 3 anni. Oltre al sindaco di Catania Salvo Pogliese a 4 anni e tre mesi.

“La condanna del sindaco di Catania Salvo Pogliese impone una seria riflessione alla politica catanese. Un primo cittadino condannato per un reato così grave e per la gestione non corretta di soldi pubblici, quindi dei cittadini, non può rappresentare una comunità importante e prestigiosa come quella catanese. Adesso, per effetto della legge Severino sarebbe più opportuno, in attesa dell’appello e di nuovi gradi di giudizio, un passo indietro da parte del sindaco dando così la parola agli elettori che sono sempre più sfiduciati da una politica che si presenta come nuova ma che ha sempre gli stessi vizi del passato”. Così gli esponenti istituzionali catanesi del M5S.

“Apprendo della condanna al sindaco di Catania Salvo Pogliese. Al di là di ogni ragionamento umano e garantista si impone urgente una riflessione di carattere esclusivamente politico. La legge parla chiaro: Pogliese è sospeso dalla carica di sindaco della città. E’ impensabile che un vicesindaco, ossia una persona non eletta alla carica di sindaco, possa svolgerne le funzioni. Chiunque esso sia”. Lo afferma il deputato del Pd, Santi Cappellani, in merito alla condanna, da parte della terza sezione del tribunale di Palermo nel processo per le cosiddette spese pazze dell’Assemblea regionale siciliana, di Salvo Pogliese, attuale sindaco di Catania a 4 anni e 3 mesi.
“Soprattutto in un momento come questo – aggiunge Cappellani- una città in default e in ginocchio a causa delle conseguenze dell’epidemia ha bisogno di una guida legittimata da una forte volontà popolare. Nelle altre città, a fronte della medesima situazione, il sindaco si è dimesso. Catania ha bisogno di andare a elezioni!”.
(Adnkronos)

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione PA
Redazione PA
Redazione Palermo
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli