Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Polizia insegue due sospetti in scooter che si schiantano contro un albero: arrestati

Un inseguimento in corso Indipendenza, erano in giro senza valido motivo e senza patente e assicurazione

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Nel pomeriggio di ieri, agenti delle Volanti arrestavano MAGNI Fiorenzo, classe 68 e FAZIO Salvatore Andrea, classe 89 per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.
I poliziotti, nel corso dell’attività di controllo finalizzata al contenimento dell’emergenza sanitaria in atto, notavano due individui sospetti in Corso Indipendenza, i quali transitavano su un motociclo, privi di casco e a velocità sostenuta, verso piazza Eroi D’Ungheria. A quel punto, gli operatori di Polizia decidevano di effettuare un controllo e, dopo una veloce inversione di marcia, rintracciavano i due presso un distributore di benzina. Alla vista delle pattuglia, il conducente del motociclo improvvisamente si dava alla fuga, accelerando sconsideratamente, effettuando pericolose manovre con zigzag sui marciapiedi, mentre il complice, a bordo dello scooter e girato all’indietro, comunicava al conducente la posizione degli operatori impegnati nell’inseguimento la pattuglia di Polizia.
La corsa si concludeva bruscamente, quando i due fuggitivi, una volta raggiunti, si schiantavano contro un tronco d’albero piantato lungo il marciapiede di Corso Indipendenza.
Nonostante il forte impatto dello scooter contro l’albero e contro il paraurti di un’autovettura parcheggiata sulla strada, mentre il passeggero cadeva inerme e dolorante, il conducente perseverava nel tentativo di sottrarsi al controllo. Ne nasceva l’ennesimo inseguimento, questa volta appiedato, che si concludeva dopo diversi minuti, grazie allo spirito di osservazione dei due operatori di Polizia che non lo perdevano mai di vista e grazie all’ausilio immediatamente prestato da un’altra Volante. Il fuggitivi veniva rintracciato all’interno di uno dei condomini di Via Liguria, in cui il giovane si era rifugiato nel tentativo di trovare un nascondiglio.
Dopo aver rifiutato il soccorso da parte di personale del 118, i due uomini, venivano arrestati e sanzionati amministrativamente per la violazione del D.L. n. 19 del 25 marzo 2020, ovvero la normativa d’emergenza Covid-19, poiché privi di alcuna valida giustificazione per lo spostamento. Sul luogo dell’incidente interveniva anche personale della Polizia Locale, al fine di ricostruire la dinamica del fatto e contestare ai due le violazioni del codice della strada connesse alla mancanza del casco protettivo, nonché, per il conducente, per la mancanza di assicurazione e patente di guida, quest’ultima mai conseguita.
A seguito delle formalità di rito, il P.M. di turno, notiziato dell’arresto dei due pregiudicati catanesi, ne disponeva l’immediata liberazione per assenza di esigenze cautelari.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci