Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Polizia, controlli serrati del territorio: nel mirino posteggiatori abusivi e gli “irriducibili” senza casco

Dal 5 all’11 agosto sono stati sequestrati 108 tra auto, ciclomotori e moto. Nella zona di Corso Sicilia sono stati identificati 22 parcheggiatori abusivi, italiani e rumeni diffidati dal Questore

8

CATANIA – In attuazione delle direttive del Prefetto Claudio Sammartino, emanate in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica in Prefettura di Catania, rese operative con Ordinanza dal Questore di Catania Mario Della Cioppa, continuano i servizi di presidio del territorio, in sinergia tra Forze dell’Ordine che vede schierati, fianco a fianco, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale per garantire ai cittadini la vigilanza, l’ordine e la sicurezza pubblica nelle aree ritenute sensibili.
E, anche nelle torride giornate di mezz’agosto, sono stati effettuati posti di controllo e interventi sanzionatori sugli illeciti riscontrati nel corso delle attività di polizia.

Nella settimana dal 5 all’11 agosto, sono state identificate 324 persone e controllati 576 veicoli; ben 220 sono state le contestazioni per violazioni delle norme del Codice della Strada e, tra esse, 67 hanno riguardato gli “irriducibili” che ancora si mettono alla guida di motoveicoli senza usare il casco; inoltre, sono stati sequestrati 108 tra auto, ciclomotori e moto. L’attività amministrativa contempla anche 23 posteggiatori abusivi identificati, sanzionati e diffidati dal Questore.
Nell’ambito della polizia giudiziaria, sono 2 le persone denunciate all’Autorità Giudiziaria e 2 i sequestri operati.
Nel medesimo alveo, i controlli della giornata di ieri, effettuati nella zona di Corso Sicilia, dove sono stati identificati 22 parcheggiatori abusivi, italiani e rumeni, diversi dei quali già in passato multati, i quali sono stati sanzionati nuovamente ai sensi dell’art. 7 c.15 bis del Codice della Strada che prevede una sanzione amministrativa pecuniaria fino ad euro 1550,50; gli stessi sono stati diffidati dal Questore ad astenersi da quell’attività, con l’avvertenza che, in caso di recidiva, risponderanno del reato punito con l’arresto da sei mesi ad un anno e con l’ammenda da 2000 a 7000 euro.
Taluni parcheggiatori sono stati denunciati anche all’Autorità Giudiziaria per l’indebito conseguimento di erogazione pubblica (reddito di cittadinanza e carta rei).

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci