Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Polizia: continua l’attività di repressione del fenomeno dei posteggiatori abusivi

Nella mattinata di ieri agenti della Questura, unitamente a personale della Polizia Locale, hanno agito in zona piazza Dante

Tempo di lettura: < 1 minuto

CATANIA – Dopo l’analisi, nel corso del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto Claudio Sammartino, sulla situazione della città di Catania, e dopo i conseguenti servizi di contrasto al fenomeno dei posteggiatori abusivi, tra cui gli ultimi nella zona di piazza Spirito Santo, disposti dal Questore di Catania dott. Mario Della Cioppa, nella mattinata di ieri agenti della Questura, unitamente a personale della Polizia Locale, hanno agito in zona piazza Dante, dove diversi cittadini avevano segnalato l’invadente presenza di numerosi posteggiatori abusivi.

Si è proceduto, così, al controllo di 7 persone: quattro sono state sanzionate amministrativamente perché colte nell’atto di esercitare l’attività abusiva; altre 3, anch’esse “impegnate” come posteggiatori abusivi. In quest’ultimo caso, però, è stata riscontrata la recidività dell’illecito che era stato già sanzionato, senza che il provvedimento fosse stato impugnato: è, quindi, scattata la denuncia all’Autorità Giudiziaria, come disposto dall’art. 7 co. 15bis che dispone che “ … se nell’attività sono impiegati minori, o se il soggetto e’ gia’ stato sanzionato per la medesima violazione con provvedimento definitivo, si applica la pena dell’arresto da sei mesi a un anno e dell’ammenda da 2.000 a 7.000 euro. E’ sempre disposta la confisca delle somme percepite …”.
Analoghi servizi continueranno nei prossimi giorni nelle zone della città maggiormente interessate dal fenomeno.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci