Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Paternò, operazione antidroga: 6 arresti e sequestrati 1.300 Kg di marijuana

PATERNÓ (CT) – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Paternò, supportati dai colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Sicilia”, hanno arrestato nella flagranza Filadelfo INNAO di anni 63 di Carlentini (SR), Vincenzo NICOLOSI di anni 57 di Aci Catena (CT), Carmelo RUSSO di anni 53 di Misterbianco (CT), Nunzio Cacia di anni 47 di Misterbianco, Giombattista CACIA di anni 81 di Misterbianco e un 52enne di Misterbianco, poiché tutti ritenuti responsabili del concorso in coltivazione illecita di sostanze stupefacenti, nonché detenzione illegale di munizioni.

L’impegno dell’Arma etnea nella lotta alla produzione, il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti, nella giornata di ieri, ha ottenuto un risultato di assoluto rilievo, anche in virtù del fatto che si è scoperta una considerevole produzione autoctona di canapa indiana, che avrebbe foraggiato il fiorente mercato di vendita al dettaglio di sostanze stupefacenti, fonte primaria di reddito della criminalità organizzata etnea.

Grazie ad una prolungata attività info-investigativa, corroborata da servizi di osservazione e pedinamento, i militari, acquisita la certezza di quanto di illegale si stesse perpetrando all’interno di quell’aranceto di contrada “Baè di Sotto” (di proprietà dell’ 81enne), agro del comune di Paternò, hanno deciso di farvi irruzione sorprendendo i sei soggetti intenti a raccogliere le infiorescenze della canapa indiana, e scoprendo una maxi piantagione formata da oltre 1.200 piante, per un peso netto complessivo di kg 1.257 di sostanza stupefacente del tipo marijuana, fornita di sistemi professionali di irrigazione, ventilazione ed essicazione. Nel proseguo delle operazioni sono stati altresì rinvenuti e sequestrati altri 52 Kg di marijuana, stipati in 14 cassette di legno, nonché 120 cartucce cal.12 detenute illegalmente.
Gli arrestati, eccetto l’81enne finito agli arresti domiciliari per l’età, sono stati associati al carcere di Catania Piazza Lanza.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci