Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Palagonia, pusher “per necessità” tenta la fuga: arrestato

L'uomo ha dichiarato ai Carabinieri: “sono uscito per vendere lo stupefacente, sono senza soldi per la famiglia”.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALAGONIA (CT) – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Palagonia hanno arrestato il 46enne Cateno POZZO, perché resosi responsabile di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.
I militari, nel pomeriggio di ieri, stavano effettuando il controllo degli occupanti di un’autovettura in via Soldato Pirracchio, due uomini di Mineo rispettivamente di 34 e 41 anni, i quali, stranamente, sembravano essere in attesa di qualcuno.
I carabinieri, proprio qualche istante dopo, hanno altresì notato l’arrivo del POZZO che, appena avvedutosi della loro presenza e del controllo in atto, ha tentato una disperata quanto vana fuga a piedi perché veniva tempestivamente bloccato dai militari nella vicina via Trivio.
L’immediata perquisizione personale effettuata, poi, ha fatto ben comprendere ai carabinieri il motivo di tanta concitazione; l’uomo, infatti, portava con sé un piccolo market della droga per tutti i gusti: 20 dosi di marijuana già confezionata per la vendita al minuto, 6 di cocaina ed un bilancino di precisione, sostanze stupefacenti queste che, verosimilmente, erano destinate proprio ai due uomini controllati in quel frangente dai militari.
Altrettanto “stupefacente” è stata la motivazione addotta a propria discolpa dal POZZO, vecchia conoscenza dei militari, che candidamente ha dichiarato loro “sono uscito per vendere lo stupefacente, sono senza soldi per la famiglia”.
L’arrestato è stato posto agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’Autorità Giudiziaria.

Pozzo C.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci