Sicilia Report
Sicilia Report

Operazione “Roadpol”, il resoconto della Polizia Stradale in Sicilia

ROADPOL è una rete di cooperazione tra le Polizie Stradali, nata sotto l’egida dell’Unione Europea, alla quale aderiscono tutti i Paesi Membri, tranne la Grecia e la Slovacchia, oltre alla Svizzera, la Serbia, la Turchia ed in qualità di osservatore la Polizia dell’Emirato di Dubai (Emirati Arabi Uniti). L’Italia è rappresentata dal Servizio Polizia Stradale del Ministero dell’Interno.
L’Organizzazione sviluppa una cooperazione operativa tra le Polizie Stradali europee, con l’obiettivo di ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali in adesione al Piano d’Azione Europeo 2021-2030. Tale attività si sviluppa attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne “tematiche” in tutto il Continente, all’interno di specifiche aree strategiche.

Bottone 980×300

L’OBIETTIVO è quello di elevare gli standard di sicurezza stradale, armonizzando l’attività di prevenzione, informazione e controllo, anche attraverso campagne di comunicazione e operazioni congiunte i cui risultati vengono poi monitorati dal Gruppo Operativo Roadpol.

LA FINALITA’ della campagna “Truck & Bus” è di operare un’intensificazione dei controlli, effettuati dalle Polizie Stradali di tutta Europa, dei mezzi pesanti adibiti al trasporto di merci, degli autobus e dei veicoli destinati al trasporto di merci pericolose, sia d’immatricolazione nazionale sia straniera. Durante le giornate di controlli, gli agenti della Polizia Stradale hanno verificato lo stato psicofisico dei conducenti, controllato il rispetto dei limiti di velocità, della normativa ADR sul trasporto delle merci pericolose e di tutte le altre prescrizioni sull’autotrasporto previste dalla normativa nazionale e comunitaria. Quest’azione combinata a livello europeo ha, infatti, la finalità di sviluppare la coscienza e la consapevolezza da parte di tutti i conducenti e utenti della strada che, nello stesso momento, tutte le forze di Polizia Stradale dell’Unione Europea stanno operando con le medesime modalità, strumenti omogenei e un obiettivo comune: l’incolumità dei cittadini.

IL RESOCONTO: il Compartimento Polizia Stradale Sicilia-Orientale ha partecipato a tale iniziativa tramite le sue Sezioni provinciali di Catania, Messina, Siracusa, Enna e Ragusa; le pattuglie impegnate nelle diverse province hanno controllato 383 veicoli per trasporto merci-persone; di questi, 136 sono risultati irregolari e dunque sanzionati. Le infrazioni rilevate complessivamente sono state 345, di cui 26 per eccesso di velocità. Le sanzioni per violazioni sui tempi di guida e di riposo degli autisti sono stati 41, mentre 48 sono state quelle comminate per alterazioni e frodi al cronotachigrafo. In 23 casi si è proceduto per superamento delle dimensioni o del peso complessivo degli autocarri; mentre 58 sono state le infrazioni complessivamente accertate per irregolarità riscontrate nei documenti del conducente e dei veicoli. Inoltre, sono state rilevate 5 infrazioni per gravi violazioni al trasporto di merci pericolose, 1 per il trasporto irregolare di rifiuti e 143, infine, per altre diverse violazioni delle norme del Codice della Strada.

Commenti