Sicilia Report
Sicilia Report

Minacciato con un coltello viene derubato dello smartphone: due arresti

La vittima è stata avvicinata, mentre stava tranquillamente passeggiando in un noto parco del centro cittadino, da uno dei due indagati

CATANIA – Non si ferma l’azione di contrasto della criminalità predatoria a opera della Polizia di Stato che ha intensificato non soltanto l’attività di prevenzione realizzata con le pattuglie in “livrea d’Istituto”, ma anche con quel complesso di attività investigative, principalmente proprie della Squadra Mobile che rappresentano il lato “repressivo” di quest’odioso fenomeno criminale che spesso colpisce le fasce deboli della popolazione e le attività produttive.
Agli arresti compiuti nei giorni scorsi se ne aggiungono altri due; infatti, al termine di un’articolata indagine, in applicazione di un Ordine di Custodia Cautelare emesso dall’Autorità Giudiziaria, la Squadra Mobile ha arrestato i catanesi STELLA Francesco Angelo (classe 1978) e D’IGNOTI Rosario (classe 1986) in quanto ritenuti gravemente indiziati di una rapina aggravata in concorso.

Il provvedimento restrittivo scaturisce dall’attività investigativa avviata dalla squadra dei “Falchi”, con il coordinamento della Procura della Repubblica etnea, che ha consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza nei confronti degli indagati in merito ad una cruenta rapina perpetrata il 6 Ottobre scorso ai danni di un ragazzo appena maggiorenne.
Nell’occasione la vittima è stata avvicinata, mentre stava tranquillamente passeggiando in un noto parco del centro cittadino, da uno dei due indagati il quale, dopo averlo percosso e minacciato con un coltello lo derubava dello smartphone.

Il rapinatore è poi riuscito a fuggire grazie all’ausilio di un complice che lo attendeva a bordo di una autovettura parcheggiata con il motore acceso in una via limitrofa.
La fondamentale collaborazione del ragazzo ed i conseguenti sviluppi investigativi hanno consentito di acquisire un esaustivo quadro probatorio che permetteva alla locale Autorità Giudiziaria di emettere una ordinanza di custodia cautelare in carcere per i predetti.

I commenti sono chiusi.

Pubblicità