11.9 C
Catania
domenica, Febbraio 25, 2024
spot_imgspot_img
HomeProvinceAgrigentoMigranti: sequestrata a Lampedusa area stoccaggio barconi

Migranti: sequestrata a Lampedusa area stoccaggio barconi

La Guardia di Finanza di Agrigento, su disposizione di questa Procura della Repubblica, ha dato esecuzione ad un “Decreto di sequestro preventivo ex art. 321 c.p.p.” di una vasta area di proprietà privata di circa 1.500 mq., sita a Lampedusa.

La Guardia di finanza di Agrigento, su disposizione della Procura, ha sequestrato un’area di circa 1.500 metri quadrati adibita allo stoccaggio delle imbarcazioni utilizzate dai migranti per raggiungere Lampedusa. Il provvedimento è stato emesso dal gip di Agrigento, Francesco Provenzano, su richiesta del procuratore capo facente funzioni Salvatore Vella. Il terreno è in uso alla Cubo Costruzioni, società cooperativa che risulterebbe sprovvista di autorizzazioni ambientali per quell’area. Alla Cubo è stato affidato, con contratto di appalto, dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli il servizio di “messa a secco, trasporto e deposito” delle imbarcazioni dei migranti.

Pubblicità

Si indaga per i reati di raccolta e smaltimento di rifiuti in assenza delle prescritte autorizzazioni e di illecita miscelazione di rifiuti. Il procedimento è a carico di T. A. di Belpasso (legale rappresentante della società), M. C. di Paternò (responsabile del cantiere), e di altre due persone originarie di Lampedusa, T. G. e C. S., ritenute anch’esse coinvolte nell’attività di smaltimento illecito delle carrette del mare.

 

Nell’area di stoccaggio delle imbarcazioni utilizzate dai migranti per raggiungere Lampedusa, sequestrata oggi dai militari della Guardia di finanza di Agrigento, durante un sopralluogo effettuato dai militari e dai tecnici dell’Arpa sarebbe stata riscontrata una “situazione pessima”. In particolare è stata trovata, spiega il procuratore facente funzioni di Agrigento, Salvatore Vella, “una notevole quantità di rifiuti pericolosi e non, provenienti dallo smantellamento delle imbarcazioni, depositati in modo illecito direttamente sul suolo (privo di idonea pavimentazione e di ogni altro presidio di sicurezza utile a garantire la tutela dell’ambiente circostante), compresi batterie e fusti di carburante, oltre a un enorme cumulo di materiale triturato, composto indistintamente da frammenti legnosi, contaminati con residui di carburanti e di liquidi oleosi”.

Si sarebbe accertato, inoltre, che tutte le operazioni di gestione delle imbarcazioni (messa in sicurezza, trattamento, demolizione, riduzione volumetrica e stoccaggio) avvenivano nella stessa area, “senza alcuna separazione settoriale, come invece prevede la normativa ambientale”. Il provvedimento di sequestro è stato richiesto per evitare che “la libera disponibilità dell’area potesse compromettere ulteriormente la situazione ambientale dell’isola, con ulteriore conferimento e illecito trattamento di rifiuti da parte degli indagati”.

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli