Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Mazzarrone, ricatta tredicenne per compiere atti sessuali: in carcere

L'uomo aveva minacciato la ragazzina dicendole che avrebbe fatto perdere il lavoro ai suoi genitori se non avesse compiuto con lui gli atti sessuali richiesti

Tempo di lettura: < 1 minuto

LICODIA EUBEA (CT) – I Carabinieri della Stazione di Licodia Eubea, in esecuzione di un’ordinanza per la carcerazione emessa dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Caltagirone, hanno arrestato il 34enne romeno Costica Madalin TAMASESCU.
L’uomo in particolare, dal dicembre del 2013 al gennaio del 2014, si era reso responsabile di sequestro di persona nonché d’aver commesso, a seguito di minaccia, atti sessuali con una minorenne.

La turpe vicenda è accaduta nel territorio del comune di Mazzarrone ove l’uomo si era invaghito della ragazzina, figlia di una coppia di suoi amici connazionali, la quale allora non aveva neanche compiuto il 14esimo anno di età.
L’uomo invero, in forza della comune conoscenza, aveva minacciato la ragazzina dicendole che avrebbe fatto perdere il lavoro ai suoi genitori se non avesse accondisceso alle sue morbose attenzioni, poi purtroppo concretizzatesi in molteplici rapporti sessuali completi.
In un’occasione, addirittura, l’uomo aveva privato la ragazzina del cellulare per evitare che avvertisse i genitori e, contro la sua volontà, le aveva impedito di far rientro a casa obbligandola a trascorrere la notte a casa di una propria conoscente.
L’uomo è stato pertanto tradotto presso il carcere di Caltagirone ove, in ottemperanza all’originaria sentenza emessa da quel Tribunale nell’ottobre del 2017, espierà la comminata pena di 3 anni e 6 mesi di reclusione.

TAMASESCU MADALIN COSTICA

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci