Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Librino, sull’autocertificazione “stanco di stare a casa esco per acquistare droga”: denunciati dalla Polizia

Su 24 autocertificazioni, 20 erano ingiustificate e 9 persone provenivano da comuni limitrofi. In totale, sono state elevate sanzioni pecuniarie pari a 67 mila euro

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Continuano i controlli disposti dal Questore di Catania dott. Mario Della Cioppa per il rispetto delle norme di contenimento del contagio da Covid-19: dalle aree del centro cittadino a quelle della periferia, la Polizia di Stato assicura la propria presenza sul territorio, a garanzia della salute di tutti, allo scopo ultimo di far sì che l’attuale emergenza sanitaria, che costringe tutti gli italiani a non uscire di casa, possa finire al più presto.
Nella giornata di ieri, quindi, agenti del Commissariato Librino hanno effettuato controlli straordinari nel quartiere di competenza, controllando numerose persone che si trovavano fuori dalle proprie abitazioni e le autocertificazioni da esse presentate a motivazione della loro permanenza in luogo pubblico.
Il dato emerso è che su 24 autocertificazioni che sono state acquisite dai poliziotti, 20 erano riferite a persone che erano uscite dalla propria abitazione senza un giustificato motivo. Ancor più grave, il fatto che 9 di queste, provenienti anche da Comuni limitrofi a quello di Catania, hanno autocertificato innanzi alla Polizia di Stato di essersi recati nel quartiere di Librino, in particolare in Viale Grimaldi, per acquistare droga.
L’età degli assuntori va dai 18 ai 55 anni e copre tutte le fasce intermedie: un uomo di 44 anni ha dichiarato (in apposito verbale!) di essersi recato in Viale Grimaldi per acquistare stupefacente poiché stanco di stare in casa; un altro di anni 40 ha attestato innanzi ai poliziotti di essere giunto in detto Viale per acquistare droga in quanto era diventato insofferente dopo 10 giorni di permanenza presso il proprio domicilio e analoghe dichiarazioni hanno fatto gli altri.
Particolare la situazione di uno dei suindicati assuntori, un pluripregiudicato che è stato anche indagato in stato di libertà per il reato previsto dall’articolo 4 della Legge 110/1975, poiché trovato in possesso di un’arma bianca, un coltello con una lunga lama estraibile sequestrato penalmente; lo stesso è stato altresì sanzionato per guida senza patente, per non averla mai conseguita, di un veicolo già sottoposto sequestro e tra l’altro, senza copertura assicurativa; il veicolo è stato sottoposto a sequestro amministrativo e, stavolta, portato via con il carroattrezzi ai fini della confisca in favore dello Stato.
In totale, sono state elevate sanzioni pecuniarie pari a 67 mila euro.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci