Infermieri incatenati e in sciopero della fame

di

Gli infermieri, fino a quando non interverrà l’assessore regionale alla salute e o il direttore generale, rimarranno incatenati e in sciopero della fame. Si tratta dell’ultimo disperato gesto di protesta che lancia il NurSind, sindacato delle professioni infermieristiche, per richiamare le attenzioni dei vertici della sanità regionale.
Lo stato di agitazione è stato proclamato in tutti i presidi e distretti ospedalieri dell’Azienda Provinciale di Catania ed è culminata nella manifestazione più eclatante nel presidio ospedaliero Gravina di Caltagirone.
Il Gravina, va verso un progressivo smantellamento per ragioni estranee alle logiche di un buon funzionamento della pubblica sanità.
In generale invece sono innumerevoli le criticità denunciate dagli infermieri. Fra queste: la disapplicazione in tutta l’Asp di fondamentali norme sulla sicurezza dei lavoratori dovuta a croniche carenze igienico sanitarie in tutti i presidi e distretti; la gravissima insufficienza del personale infermieristico e degli operatori socio sanitari nonché uno scorretto utilizzo delle risorse umane; la mancanza quasi ventennale dell’indizione di concorsi interni all’Asp Catania atti ad individuare le figure dei coordinatori. Ciò ha generato una politica di nomine clientelari tra gli infermieri in cui i vari primari hanno individuato come coordinatori loro pupilli.
“Non stiamo qui a chiedere denaro o meno ore di lavoro. Vogliamo una buona sanità che funzioni bene per l’utenza e in cui a noi, operatori del settore, venga data la possibilità di lavorare nelle giuste e dovute condizioni”, ha affermato Francesco Di Masi segretario aziendale NurSind dell’Asp di Catania.