spot_imgspot_img
HomeProvinceCataniaDimesso dall’Unità Spinale del Cannizzaro il Vice Brigadiere Sebastiano Grasso

Dimesso dall’Unità Spinale del Cannizzaro il Vice Brigadiere Sebastiano Grasso

Il militare cercando di sedare una lite era stato ferito con un colpo d'arma da fuoco durante una celebrazione di Prima Comunione nella chiesa di Santa Maria degli Ammalati ad Acireale

CATANIA – È stato dimesso dall’Unità Spinale Unipolare dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro il Vice Brigadiere dei Carabinieri Sebastiano Giovanni GRASSO, effettivo alla Stazione Carabinieri di Aci Sant’Antonio, il quale, a testimonianza di un non comune attaccamento ai più alti valori etici e morali, anche a rischio della propria vita, nella serata del 5 settembre u.s., al termine della celebrazione della Prima Comunione di uno dei figli nella chiesa di Santa Maria degli Ammalati in Acireale, è intervenuto libero dal servizio in ausilio dei colleghi intervenuti per sedare una rissa tra due famiglie, riportando nella circostanza gravissime lesioni permanenti a seguito dell’esplosione a distanza ravvicinata di un colpo d’arma da fuoco da parte di uno dei contendenti, immediatamente tratto in arresto.

Pubblicità

 

Il militare ha concluso un lungo e articolato percorso di riabilitazione, iniziato nella struttura ospedaliera successivamente al primo trattamento della lesione vertebro-midollare. Dopo la degenza nella Neurochirurgia, diretta dal dott. Salvatore Cicero che ha eseguito l’intervento chirurgico, e un breve ricovero nella terapia intensiva della Rianimazione a seguito di complicanze respiratorie presto superate, il militare è stato preso in carico dall’Unità Spinale Unipolare (USU), dove ha seguito un percorso riabilitativo volto al recupero delle funzionalità motorie e respiratorie in parte compromesse dalla lesione midollare. Nella struttura, unica del suo genere nel Sud Italia, specializzata nelle cure dei pazienti mielolesi, il Carabiniere è stato sottoposto a neuroriabilitazione, a terapia occupazionale per il recupero delle abilità necessarie alla vita quotidiana, alla gestione della carrozzina e degli altri presidi che le sue condizioni richiedono, raggiungendo il massimo livello di autonomia compatibile con il danno riportato alla colonna vertebrale. L’USU, dove Grasso continuerà a essere seguito per i trattamenti necessari, ha collaborato con l’ASP di Catania (distretto di Acireale) ai fini del prosieguo delle cure riabilitative a domicilio, nonché con i Comuni di Acireale e Catania coinvolti nelle attività propedeutiche al rientro del paziente a casa.

Alle dimissioni, oltre agli specialisti e agli operatori che lo hanno avuto in cura in questi mesi, erano presenti il dott. Salvatore Giuffrida, direttore generale dell’Azienda Cannizzaro; la dott.ssa Maria Pia Onesta, direttore dell’Unità Spinale Unipolare; la dott.ssa Anna Maria Longhitano, della direzione medica di presidio.

Ad accoglierlo fuori dalla struttura riabilitativa, i vertici dell’Arma di Catania e i colleghi della Stazione Carabinieri di Aci Sant’Antonio, a testimonianza della ininterrotta vicinanza dell’Istituzione al generoso militare ed alla sua famiglia.

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

La vignetta di SR.it

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli