Sicilia Report
Sicilia Report

Controlli anti Covid: chiuse due attività nel Centro Storico a Catania

Chiuse per 5 giorni oltre alla sanzione amministrativa accessoria

CATANIA – Nell’ambito dell’attività di controllo del territorio svolto giornalmente dalla Polizia di Stato, assume grande rilevanza quella svolta per il rispetto delle norme di contenimento pandemico, periodicamente disposta con ordinanza dal Questore di Catania Mario Della Cioppa, con la finalità di evitare il lievitare del numero dei contagi che può portare all’inasprimento delle misure restrittive.
Pertanto, nell’ambito di specifici controlli, agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale, nella serata dello scorso sabato 16 gennaio, hanno coadiuvato unità del Commissariato di P.S “San Cristoforo” che, insieme a personale della Polizia Scientifica e della Polizia Locale, hanno identificato numerose persone e controllato diversi esercizi commerciali del centro storico di Catania.

Bottone 980×300

Al momento del controllo, la città etnea – come il resto della Sicilia – si trovava in “zona arancione”, con vincoli diversi e meno restrittivi dell’attuale “zona rossa”.
Nonostante ciò, sono state rilevate diverse infrazioni da parte di esercenti pubblici, per lo più di somministrazione di alimenti e/o bevande, che hanno ignorato le limitazioni imposte per evitare assembramenti. E ciò, proprio nell’area della “movida”, dove maggiore è il rischio di affollamento.

Così, è stata riscontrata e sanzionata una prima violazione amministrativa presso un esercizio di somministrazione bevande sito in Piazza Federico di Svevia al quale, ai sensi dell’art. 2 comma 4 lett. c) DPCM del 14.01.2021, è stata anche applicata la sanzione accessoria della chiusura temporanea per giorni 5 poiché permetteva la vendita con asporto oltre le ore 18.00 (visto che il codice “ateco” 56.3 avrebbe permesso a tale attività di esercitare l’asporto fino le ore 18.00).

La seconda sanzione amministrativa è stata comminata ad una birreria di via Auteri che addirittura somministrava e permetteva la consumazione all’interno dell’attività. Anche in questo caso, ai sensi dell’art. 2 comma 4 lett. c) DPCM del 14.01.2021 è stata applicata la sanzione accessoria della chiusura temporanea per giorni 5.
Analoghi servizi, già disposti a Catania e su tutto il territorio provinciale, si protrarranno fino al perdurare dell’emergenza.

Commenti