Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Aeroporto, corriere spagnolo da Bruxelles con 2 Kg di eroina pura nel bagaglio: arrestato

Il soggetto, che già nella sala arrivi, in attesa del bagaglio, aveva palesato un evidente nervosismo, veniva segnalato dalle unità cinofili antidroga e, quindi, sottoposto a controllo “doganale” dalle Fiamme Gialle

Tempo di lettura: < 1 minuto

CATANIA – I finanzieri del Comando Provinciale di Catania hanno tratto in arresto un cittadino spagnolo, V.P.J.C., in arrivo da Bruxelles con un regolare volo di linea, poiché trovato in possesso di Kg. 2,200 di sostanza stupefacente del tipo eroina.
Nell’ambito dell’azione di contrasto al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, l’attività di analisi, svolta dai militari della Compagnia di Catania–Fontanarossa, con sede all’interno dell’omonimo scalo aereo internazionale, sui passeggeri in arrivo a Catania, da Paesi considerati a rischio, ha permesso di individuare un “corriere di droga” tra i viaggiatori provenienti da Bruxelles, con volo di linea operato dalla compagnia di navigazione Ryanair.
Il soggetto, che già nella sala arrivi, in attesa del bagaglio, aveva palesato un evidente nervosismo, veniva segnalato dalle unità cinofili antidroga e, quindi, sottoposto a controllo “doganale” dalle Fiamme Gialle e dal personale della locale Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.
Il preliminare esame radiogeno del bagaglio non consentiva di evidenziare alcuna anomalia. Ma finanzieri e doganieri, insospettiti dall’evidente stato di agitazione del soggetto, hanno approfondito maggiormente l’esame del bagaglio, rinvenendo all’interno dello stesso, abilmente occultata, in un doppiofondo, sostanza stupefacente per un peso complessivo di Kg. 2,200 che sottoposta al test Drug Screen, risultava essere eroina allo stato puro.
Il valore dello stupefacente sulla piazza di spaccio, molto probabilmente destinato al mercato catanese, è di oltre 100.000,00 di euro.
Dopo le formalità di rito il corriere spagnolo è stato associato alla Casa Circondariale di “Piazza Lanza” a disposizione della competente A.G. etnea alla quale dovrà’ rispondere di traffico internazionale di sostanze stupefacenti che prevede una pena detentiva dai 6 ai 20 anni di carcere nonché una multa da 26.000 a 260.000 euro.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci