Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Taormina Nations Award 2020: fare rete con i musei per valorizzare anche piccole realtà

Durante il convegno ‘Economia della Bellezza’ il direttore generale dei musei del MiBACT, Massimo Osanna, ha parlato del nuovo Sistema museale nazionale. É opportuno, inoltre, puntare su una nuova comunicazione per attrarre i giovani, che sono i meno frequentatori delle sale espositive

TAORMINA (ME) – I musei italiani sono una risorsa importantissima per valorizzare anche quei luoghi e realtà meno conosciute. Questo è tra gli spunti emersi nel corso del convegno ‘Economia della Bellezza’ che si è svolto a Taormina, all’interno del Nations Award 2020, kermesse che si conclude con il Premio cinematografico delle Nazioni al Teatro Antico.

Tra gli intervenuti, il direttore generale dei musei del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Massimo Osanna, che ha spiegato l’importanza dei piccoli musei: “Finora – ha affermato – mi sono occupato di grandi musei (è stato direttore del Parco archeologico di Pompei, ndt.), adesso la sfida è nei piccoli. La rete dei piccoli musei, infatti, è molto importante. Stiamo realizzando un Sistema museale nazionale con l’obiettivo proprio di valorizzare quelle realtà spesso splendide e che sono invece dimenticate”.

“Bisogna fare rete – ha precisato Osanna – per creare forme di sinergie tra pubblico e privato e non tralasciare l’aspetto della comunicazione: è necessaria una comunicazione sempre più di alto livello che sappia, però, utilizzare forme di linguaggio in grado di raggiungere quanto più pubblico possibile; è importante l’accessibilità della cultura a tutti. Per anni abbiamo parlato un linguaggio troppo tecnico. Le generazioni tra i 18 e 30 anni sono ancora le meno presenti nei musei, dobbiamo utilizzare una comunicazione che li attiri. La comunicazione del passato ha fatto sembrare i musei come un luogo ‘polveroso’ e noioso, cosa che non è. Chiaramente bisogna fare capire l’importanza della memoria e della conservazione del nostro patrimonio”.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci