18.1 C
Catania
domenica, Aprile 14, 2024
spot_imgspot_img
HomeConsumatoriComitato Pendolari Siciliani: apprezzamento per sospensione aumento biglietti ferroviari

Comitato Pendolari Siciliani: apprezzamento per sospensione aumento biglietti ferroviari

Qualche giorno fa denunciavamo l’aumento (10%) dei titoli di viaggio ferroviari dal 1° gennaio 2022. Quale rappresentante del Comitato Pendolari Siciliani, prendo atto, condivido e apprezzo la scelta e l’attenzione del Governatore Musumeci nello stoppare gli aumenti tariffari tra l’altro previsti dalla stessa Regione nel Contratto di Servizio (Art.14 comma 4 “La Regione inoltre stabilisce che le tariffe regionali sono incrementate, dal 1° gennaio degli anni 2020, 2022 e 2024). Condivido in parte la scelta dell’assessore Falcone di continuare ad utilizzare le somme delle penalità elevate a Trenitalia nell’anno 2018 e 2019 per la sola scontistica sulle tratte disagiate della Modica-Caltanissetta del 30%, della Piraineto-Trapani del 30% e della Caltagirone-Catania del 55%, già in vigore da fine febbraio 2020. Avevo chiesto nell’Osservatorio regionale dei Trasporti” tenutosi a Caltanissetta il 19/02/2020  di prevedere e di attuare  quanto era previsto dal comma 7 dell’art.20 del Contratto di Servizio e cioè quello di ripartire il ristoro delle penalità (euro 1,7 mln anno 2018 e 1,7 mln circa per il 2019) su tutti i pendolari abbonati di tutte quelle relazioni ferroviarie che avevano subito disagi, disservizi, soppressioni/cancellazioni e ritardi tenendo conto anche dell’applicazione dell’art. 17 del  Reg.1371/07(CE) per  la  determinazione dell’indennità  di rimborso per gli abbonamenti.

Pubblicità

 

Avevo fatto presente, inoltre, che nel caso in cui l’importo delle penalità non era sufficiente a ristorare tutti gli abbonati, sarebbe stato opportuno stabilire un eventuale bonus di acquisto pari al 20/30% dell’abbonamento su una o più mensilità. Questa proposta era stata accettata da tutti i presenti al “tavolo di confronto” ma non è stata messa in pratica prediligendo la sola scontistica su tratte ferroviarie a scarsa capacità e frequentazione (vedi Catania-Caltagirone). La Regione Siciliana, quale committente del trasporto ferroviario aveva l’opportunità, per la prima volta, di dare un segnale di vicinanza e ristoro alle decine di migliaia di pendolari abbonati e, invece, ha preferito ben altro non fidelizzare quell’utenza che da anni ha scelto il mezzo treno per i propri spostamenti e che per la prima volta si vedeva rimborsare in toto o in parte un abbonamento a consolazione dei disagi/disservizi patiti.

Giosuè Malaponti – Presidente Comitato Pendolari Siciliani

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione PA
Redazione PA
Redazione Palermo
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli