Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Viaggio nel virtuosismo europeo con la pianista Ketty Teriaca e la flautista Giusi Ledda

Le due raffinate musiciste ripercorrono per la SCAM, gli autori che hanno meglio espresso il primo e tardo Romanticismo tedesco e francese

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA- Dopo la pausa estiva ritornano i consueti appuntamenti musicali promossi dalla Società Catanese Amici della Musica, diretta da Anna Rita Fontana. La stagione concertistica 2019-2020 ripartirà sabato 5 settembre, alle ore 18.30 presso l’Istituto Sacro Cuore di via Milano, 47 con il duo composto dalla flautista Giusi Ledda e dalla pianista Ketty Teriaca. Un lungo excursus, fra Settecento e Novecento, che si aprirà con l’Hamburger Sonata in G Major op.564 scritta per flauto e continuo (clavicembalo o fortepiano) dal secondo dei venti figli di Johann Sebastian Bach, Carl Philipp Emanuel.

« È una Sonata molto raffinata – spiega la Teriaca – composta da due movimenti: Allegretto e Rondò, nei quali si mettono in evidenza le potenzialità espressività del flauto». Seguiranno poi le Variazioni su Trockne Blumen op.160, D.802 di Franz Schubert, basate sul tema del Lied Trockne Blumen, letteralmente Fiori appassiti della raccolta Die schone Mullerin, un ciclo di venti lieder composti nel 1823 su testi di Wilhelm Muller, poeta romantico minore. «A differenza del pezzo precedente, – aggiunge la musicista – in questo caso il pianoforte non ha solo funzione d’accompagnamento ma è parte attiva nel dialogo a due. Si tratta di un pezzo di repertorio nel quale i due strumenti affrontano notevoli difficoltà tecniche: ottave, arpeggi e passaggi velocissimi, seguendo una linea espressiva specifica». Scritte su commissione e dedicate al flautista viennese Ferdinand Bogner, le sette Variazioni per flauto e pianoforte costituiscono un unicum. Schubert, infatti, non aveva composto niente, in precedenza, per flauto e pianoforte né replicherà in seguito. Ci spostiamo poi nel Novecento francese con la Sonatina La flute de Pan di Jules Mouquet articolata in tre tempi: Pan et les bergers, Pan et les oiseaux, Pan et les nymphes tutti e tre legati alla dimensione campestre e impregnati di virtuosismo cromatico fra toni briosi, a tratti però malinconici e scanzonati. «Il repertorio flautistico – conclude la Teriaca – è stato particolarmente nutrito durante il XX secolo, soprattutto in Francia, per questo affideremo la conclusione della serata alla Suite de trois morceaux del compositore e violinista Benjamin Louis Paul Godard». Suddivisa in tre movimenti: Allegretto, Idillio, Valzer, la Suite improntata a uno spirito d’intrattenimento luminoso sorretto da un dialogo strumentale incalzante, echeggia atmosfere di Johann Strauss che culminando in un coinvolgente Valzer finale. Un appuntamento come sempre imperdibile all’insegna della buona musica.

Costo del biglietto euro 10,00. Ridotto under 25 euro 7,00. I posti sono distanziati e a file alterne. È obbligatorio indossare la mascherina. Ingresso solo su prenotazione e fino a esaurimento posti. Contattare il numero 3384078709 o l’indirizzo email:  comunicazioniscam@gmail.com

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci