Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Camerata Polifonica Siciliana: bis di Donne da Oscar dedicato alla memoria di Ennio Morricone

Dopo il tutto esaurito del 26 giugno, secondo concerto a grande richiesta delle DameInCanto (Emilia Belfiore al violino, Concetta Sapienza al clarinetto e Annamaria Calì al pianoforte) con le colonne sonore immortali del cinema: «Ennio Morricone è entrato nel pantheon dei connazionali illustri»

Tempo di lettura: 3 minuti

CATANIA – Venerdì 10 luglio, alle ore 21, al Cortile del Museo Diocesano di Catania (che sarà fruibile per metà della sua capienza, per cui è vivamente consigliata la prenotazione) si bissa il concerto “Donne da Oscar”, la performance musicale delle DameInCanto che lo scorso 26 giugno, con un sold out, aveva riportato la stagione della Camerata Polifonica Siciliana dove si era interrotta, rimodulando e adattando il calendario agli spazi in cui è possibile garantire il distanziamento sociale. L‘associazione concertistica catanese diretta da Giovanni Ferrauto ha ripreso l’attività con “Musica a Corte”, un programma di tre concerti a organico ridotto, per testare comunque la ripartenza dopo la quarantena forzata a causa dell’emergenza sanitaria.
Anche questo secondo concerto delle DameInCanto, organizzato sull’onda dell’entusiasmo del pubblico per il primo evento, si avvia ad un probabile sold out. E questo secondo concerto chiamato “Donne da Oscar”, chiaro riferimento alle grandi colonne sonore del cinema, non potrà non ripartire dall’omaggio a Ennio Morricone, genio assoluto delle colonne sonore scomparso nei giorni scorsi, i cui capolavori sono il cuore pulsante di questo concerto di Emilia Belfiore al violino, Concetta Sapienza al clarinetto e Annamaria Calì al pianoforte. Di Morricone, infatti, vengono eseguite il “Love Theme” da “Nuovo cinema Paradiso”, “Brothers” dal tema di “Gabriel’s oboe” del film “The Mission”, “Playing Love” tema dal film “C’era una volta il west” e il tema dal film “C’era una volta in America”.

«La Camerata Polifonica Siciliana si unisce al lutto nazionale per la perdita del maestro Ennio Morricone, recentemente scomparso all’età di 91 anni – commenta Giovanni Ferrauto, direttore della Camerata Polifonica Siciliana -. Protagonista fra i più significativi nella produzione di musica per l’audiovisione, è diventato nel tempo un punto di riferimento per la nuova generazione di compositori del genere. Una vita trascorsa “per” la musica: esecutore in giovane età – con la sua inseparabile tromba –, direttore d’orchestra e compositore di oltre cinquecento colonne sonore, di cui alcuni brani sono ormai entrati nella letteratura musicale e vengono eseguiti con differenti organici in giro per il mondo».

«Vogliamo rendere omaggio anche noi al maestro Morricone – prosegue Ferrauto – col secondo concerto “Donne da Oscar” di venerdì 10 luglio al Museo Diocesano di Catania, eseguito dall’ensemble strumentale “DameInCanto”. Il programma prevede un viaggio sonoro distante nel tempo e nello spazio. L’inizio del concerto sarà dedicato al maestro recentemente scomparso e verranno proposti al pubblico alcuni dei brani più popolari della sua vasta produzione di colonne sonore. La serata verrà impreziosita dalle proiezioni di alcuni frammenti dei film. È doveroso affermare che il maestro Morricone sia ormai entrato nel pantheon dei connazionali illustri, il quale ha contribuito ad accrescere il canone musicale nazionale e ha svolto un ruolo di ambasciatore dell’arte musicale e della professionalità italiana nel mondo. Alla sua famiglia e ai suoi amici vanno le nostre più sentite condoglianze».

La serata vivrà anche delle musiche di Nino Rota, da “Il Padrino” a “Amarcord” e “Otto e Mezzo”, di Carlos Gardel dal film “Profumo di Donna”, di Josè Maria Lacalle dal film “Amapola”, di Scott Joplin dal film “La stangata”, di Yann Tiersen dal film “Il favoloso mondo di Amelie”, di Giuseppe Verdi, il Gran Valzer dal film “Il Gattopardo”, di John Kander il tema dal film “New York New York”, per chiudere con “La vita è bella” di Nicola Piovani.

“Musica a Corte” – Cortile Museo Diocesano via Etnea, 8 – Catania  venerdì 10 luglio 2020, ore 21 www.cpsmusic.com

Il programma di “Musica a corte” proseguirà venerdì 17 luglio alle ore 20.30 con “Sicilia Bedda”, concerto nato da un’idea del compianto tenore augustano Marcello Giordani, che vedrà esibirsi il soprano Marianna Cappellani e il tenore Angelo Villari, accompagnati dal pianoforte di Rosario Cicero, sui canti della tradizione e su alcuni brani tratti da “La Cavalleria Rusticana” di Pietro Mascagni.
Lunedì 27 luglio alle ore 20.30 il Cortile del Museo Diocesano ospiterà “Bach Mirrors”, da considerarsi un prosieguo del fortunato concerto Bach Double, per il quale la Baroque Chamber Orchestra, il gruppo strumentale di 16 elementi diretto dal M° Giovanni Ferrauto, specializzato nell’esecuzione del repertorio barocco, con i solisti Francesco Zappalà e Maria Pia Tricoli al pianoforte, e Augusto Vismara e Gaetano Adorno alle viole, eseguiranno concerti doppi per tastiere e i concerti brandeburghesi di J. S. Bach, anticipati da un preludio dello stesso Giovanni Ferrauto.

MUSICA A CORTE – PROGRAMMA
ven. 10 luglio 2020 | h 21

DONNE DA OSCAR
musica e cinema
DameInCanto
Emilia Belfiore, violino
Concetta Sapienza, clarinetto
Anna Maria Calì, pianoforte
ven. 17 luglio 2020 | h 21

SICILIA BEDDA
da un’idea di Marcello Giordani
Marianna Cappellani, soprano
Angelo Villari, tenore
Rosario Cicero, pianoforte
lun. 27 luglio 2020 | h 21

BACH MIRRORS
specchi barocchi
Francesco Zappalà – Maria Pia Tricoli, pianoforte
Augusto Vismara – Gaetano Adorno, viole
Chamber Baroque Orchestra diretta da Giovanni Ferrauto

 Informazioni e prenotazioni
tel. 3920889640 (ore 09.30-13 e ore 16.30-20)
Prevendite
Biglietteria online: boxoffice.cpsmusic.com
Ingresso: € 10 (un concerto) – € 25 (tre concerti)

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci