Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

San Gregorio
Ripristinato l’impianto di illuminazione pubblica sotto monte Katira

Il sindaco Corsaro: «Il buon senso e la collaborazione di tutti hanno sconfitto la burocrazia»

Tempo di lettura: 2 minuti

SAN GREGORIO (CT) – Dopo diciotto mesi di procedure e di “carte bollate” l’illuminazione pubblica, che insiste sotto Monte Katira all’ingresso del paese venendo da Catania e autostrada, è stata ripristinata.
Da anni l’impianto era guasto. Né Ex Provincia né Anas erano riuscite a ripararlo.
L’impianto ha ripreso a funzionare grazie all’impegno profuso dal sindaco, Carmelo Corsaro, che in più occasioni ha coinvolto e sollecitato l’assessore ai Lavori pubblici di San Gregorio, Salvo Cambria; i responsabili dell’Anas e i dirigenti di settore della Città metropolitana di Catania.
Congiuntamente hanno intrapreso un percorso che ha visto il Comune sangregorese farsi carico dei costi che la ex provincia, per varie vicissitudini, non riusciva a soddisfare per attivare l’illuminazione pubblica del tratto in questione.
L’ufficio Lavori pubblici di San Gregorio ha provveduto a realizzare i lavori di interramento, passaggio cavi, ripristino della cabina elettrica e il conseguente allacciamento con il contatore Enel di proprietà comunale.
«Ha vinto il buon senso e la collaborazione di tutti – ha dichiarato il primo cittadino -, solo con la volontà congiunta siamo riusciti a superare i legacci della burocrazia che intralciavano la realizzazione di questa nostra iniziativa».
La luce è stata accesa venerdì sera dando lustro alla viabilità ma soprattutto all’ingresso del paese che poco elegante e poco sicuro si presentava la sera per via del buio fitto che incombeva sull’area.
«Ringrazio tutti – ha detto l’assessore Cambria – in particolare il dirigente I. P. Antonello Feroleto e il geom. Massimiliano Cavallaro che hanno provveduto con immediatezza a realizzare il progetto.
«Ritengo sia giusto evidenziare – ha continuato Cambria – che l’illuminazione pubblica di questo tratto non era di nostra competenza e che il raggiungimento di questo obiettivo non faceva parte del nostro programma elettorale. Un intervento, questo, che il sindaco Corsaro, insieme al sottoscritto e al consigliere Francesco Pennisi, ha più volte sollecitato agli enti responsabili evidenziando il disagio degli automobilisti e possibili pedoni che nelle ore serali e notturne transitavano su questo tratto. Certamente ora è più sicuro».
Su questo tratto di strada. dove vi è l’ingresso dell’autostrada, il viale Mediterraneo che conduce a Catania e viceversa verso i paesi etnei e pedemontani. ogni giorno transitano, andata e ritorno, oltre 15mila veicoli.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci