Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

Dimissioni Razza: l’interim assessorato a Musumeci

Sì al dibattito in Aula, dopo la Finanziaria

Palermo, 30 mar. – Sarà, come apprende l’Adnkronos, il presidente della Regione siciliana Nello Musumeci a prendere l’interim dell’assessorato alla Salute dopo le dimissioni di Ruggero Razza, indagato nell’inchiesta per i dati falsificati sul Covid. Il governatore siciliano ha convocato per le 15 la Giunta regionale per annunciare l’interim alla Salute. Dopo la riunione di Giunta, Musumeci è atteso all’Assemblea regionale siciliana, come annunciato dal presidente Miccichè.
(Adnkronos Salute)

Pubblicità

«Un atto di grande responsabilità che fa onore all’avvocato Ruggero Razza e che non mi sorprende, conoscendone la formazione politica, culturale e l’integrità morale».
Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci, intervenendo all’Ars, dopo avere letto la nota di dimissioni dell’assessore alla Salute Razza. Il governatore ha annunciato anche di avere assunto l’interim dell’assessorato alla Sanità.
«Lo terrò – ha precisato – fin quando riterrò necessario e opportuno farlo, proprio perché voglio assicurare i siciliani che il governo non defletterà di un solo centimetro dal percorso fin qui fatto con l’assessore Razza e con tutto il governo. Andremo avanti dritto, senza una tregua. Lo impone la pandemia, la volontà dei siciliani e il nostro dovere istituzionale».
Musumeci ha comunicato anche la disponibilità, sua e del governo, a riferire in Aula sulla vicenda giudiziaria che coinvolge alcuni dirigenti dell’assessorato alla Salute.
«Né io, né il governo – ha detto il presidente – intendiamo assolutamente sottrarci al confronto. Vorrei solo lanciare un appello: in questo momento, proprio in coerenza col rispetto verso le istituzioni, prima ancora che verso le persone, proporrei di definire la Finanziaria, che è un atto indispensabile per la comunità siciliana. Un minuto dopo possiamo dare vita al dibattito, pur non avendo, né io né altri, potuto procedere all’acquisizione degli atti e quindi alla loro lettura».

Partito Democratico
“Come era inevitabile, e come avevamo chiesto, l’assessore Razza si è dimesso. Ma non ci convince neppure la posizione del governatore: non riusciamo a comprendere come Musumeci non sapesse quali erano le azioni che intraprendeva il suo più stretto collaboratore e caro amico. Chiederemo a Roma l’invio di nuovi ispettori per accertare lo stato della sanità siciliana. Ma soprattutto chiederemo che non sia più Musumeci il commissario per l’emergenza Covid in Sicilia”. Cosi il segretario del Pd Sicilia Anthony Barbagallo dopo l’inchiesta della procura di Trapani sui dati falsi dei contagi Covid diffusi dalla Regione.

M5S
“Le dimissioni di Razza non bastano, lo scandalo sui dati dei contagiati dal Covid, che secondo la magistratura sarebbero stati taroccati per evitare la zona rossa, travolge i vertici dell’assessorato alla Sanità: i siciliani pretendono chiarezza, Musumeci venga a riferire al Parlamento prima possibile”. Lo dice il capogruppo del M5S all’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Di Caro. “Mentre la Regione viene investita da uno scandalo di una portata incredibile come quello svelato dai magistrati – aggiunge – ci sembra assurdo che l’Aula vada avanti su una finanziaria per tantissimi versi inutile e sganciata dai bisogni dei siciliani, senza fare quasi riferimento alle vicende terribili svelate dalle intercettazioni, che parlano di alterazioni dei dati che potrebbero aver provocato gravissimi danni sulla salute dei siciliani. Anche Musumeci faccia mea culpa, visto che è lui il commissario per l’emergenza Covid in Sicilia”, conclude il pentastellato.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: