Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

La Polizia di Stato ricorda Filippo Raciti a tredici anni dalla sua morte

Tempo di lettura: < 1 minuto

CATANIA – Sono trascorsi tredici anni dal quel terribile giorno in cui l’Ispettore Filippo Raciti perse la vita negli scontri dell’incontro di calcio Catania – Palermo.
Cerimonia e messa sobria e intima tra i familiari e i colleghi del X Reparto Mobile dell’Ispettore e i colleghi e i funzionari della Questura, ma sempre carica di emozioni.
Tutti uniti per un ricordo dell’uomo e del poliziotto che quel 2 febbraio 2007 con la sua morte in servizio ha lasciato un segno forte nelle anime di tutti gli agenti di polizia e che ha anche determinato un importante cambiamento di tutte le regole che governano le manifestazioni sportive.
Il rinnovare della memoria di Filippo Raciti, Vittima del Dovere e Medaglia d’Oro al Valor Civile, rappresenta per noi tutti un esempio dove la morte di un Servitore dello Stato, ha radicalmente cambiato il mondo del calcio a Catania e non solo.
Come ogni anno, dopo il rito eucaristico è stata deposta una corona d’alloro presso il monumento dedicato al Caduto, nello spiazzo della “Tribuna Vip” dello stadio A. Massimino.
Nelle prime ore della mattinata, non è mancato un momento di raccoglimento presso la tomba di Filippo, nel cimitero di Acireale.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci