Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Solidarietà, da lunedì altri 700 buoni spesa grazie alla raccolta “Catania aiuta Catania”

Da spendere nei supermercati del gruppo Arena/Deco che si è aggiudicata, con il sistema a evidenza pubblica, la fornitura dei pacchi spesa

Tempo di lettura: < 1 minuto

CATANIA – A partire dalla tarda mattinata di lunedì 7 settembre verranno consegnati, negli uffici dei sei Municipi di residenza, i buoni spesa a circa 700 nuovi beneficiari, da spendere nei supermercati del gruppo Arena/Deco che si è aggiudicata, con il sistema a evidenza pubblica, la fornitura dei pacchi spesa per la raccolta di beneficenza “Catania Aiuta Catania”, promossa nei mesi scorsi su iniziativa dell’Amministrazione Comunale.
I fondi residui, circa 210 mila euro, della campagna di raccolta solidale “Catania Aiuta Catania”, che nei giorni del lockdown ha consentito la consegna di oltre 4 mila pacchi ad altrettanti nuclei familiari, verranno devoluti in buoni spesa a scorrimento della graduatoria dei nuclei familiari bisognosi che hanno presentato istanza al Comune. A stabilirlo lo scorso 20 maggio è stato una delibera della giunta comunale presieduta dal sindaco Salvo Pogliese, che ha autorizzato dirigenti e funzionari dell’assessorato comunale ai servizi sociali retto da Giuseppe Lombardo a erogare tickets alimentari di 300 euro agli aventi diritto, secondo l’ordine stabilito da criteri oggettivi di punteggio e priorità, rimasti finora esclusi dal beneficio per via dell’esaurimento dei fondi nazionali. Tutti gli aventi diritto al beneficio alimentare, in queste ore, stanno ricevendo un sms con l’invito a recarsi nei prossimi giorni nel Municipio decentrato di rispettiva competenza per ritirare la card.

Complessivamente, la raccolta di fondi col sistema del crowdfunding e bonifico bancario ha fruttato poco più di 390 mila euro, grazie alla straordinaria mobilitazione di cittadini, imprenditori, forze sociali che hanno raccolto l’appello del sindaco a contribuire economicamente per sostenere famiglie in difficoltà per via dell’emergenza coronavirus.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci