Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Natale 2019: sindaco Pogliese visita presepe al Tondicello della Plaia: “Segno di riscatto per il quartiere”

Un presepe colorato al Tondicello della Plaia per raccontare un quartiere che ha voglia di riscatto e aggrapparsi alla speranza di cambiamento

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Un presepe colorato al Tondicello della Plaia per raccontare un quartiere che ha voglia di riscatto e aggrapparsi alla speranza di cambiamento. Il sindaco Salvo Pogliese ha visitato questa mattina la rappresentazione della Natività realizzata in piazza Caduti del Mare su iniziativa della Parrocchia Beata Vergine Maria in cielo Assunta alla Plaia, con la collaborazione del I Municipio, delle scuole Livio Tempesta, Andrea Doria e Dusmet e dei commercianti della zona. Erano presenti il presidente del Municipio Paolo Fasanaro con i consiglieri Giuseppe Buglio, Orazio Sciuto e Antonino Bertolo, il parroco don Piero Belluso, l’artigiano Angelo Musumeci che ha curato la realizzazione dell’opera, in legno compensato, aiutato anche dai bambini delle scuole, alcuni docenti e alunni, tanti abitanti del quartiere.
“E’ un bellissimo segnale – ha detto il sindaco Salvo Pogliese – quello che proviene dalla Parrocchia, dalla circoscrizione, dalle scuole e dai commercianti, da un quartiere intero che hanno dato una mano fattiva per questo bel presepe dall’alto valore simbolico con il quale si vuole lanciare soprattutto un messaggio di legalità, particolarmente importante all’interno di questa realtà territoriale e per isolare i malfattori”.
Com’è noto il 3 dicembre scorso una ventina di presunti spacciatori di droga assalirono una volante della Polizia di Stato, mentre operava un controllo nella zona. Ne seguì una pronta risposta delle istituzioni preposte alla sicurezza, che arrestarono gli autori dell’aggressione.
“Catania – ha aggiunto Pogliese – sta vivendo una fase di grande rilancio che passa anche attraverso queste iniziative natalizie dall’alta valenza sociale e pedagogica. Siamo qui per testimoniare la voglia di una città di rialzarsi e non cedere alla sopraffazione e alla rassegnazione: insieme ce la possiamo fare”.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci