Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Avviso
Coronavirus: Pogliese sposta al 1 giugno prima rata Tari

Era prevista a fine marzo ma si tiene conto della difficilissima condizione attuale dei nuclei familiari e dei titolari delle aziende commerciali e professionali

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Il sindaco Salvo Pogliese ha disposto la sospensione del termine di scadenza della prima rata della Tari, prevista a fine marzo, spostandola al primo giugno. La decisione del primo cittadino assunta d’intesa col vicesindaco e assessore alle finanze Roberto Bonaccorsi di fare slittare la scadenza a inizio giugno, è frutto di “un’attenta valutazione che pur in assenza di un esplicito riferimento a misure compensative per il Comune nei recenti decreti legge, tiene conto della difficilissima condizione attuale dei nuclei familiari e dei titolari delle aziende commerciali e professionali costretti a subire il fermo delle attività e un grave rallentamento negli introiti”.
“Per noi -ha spiegato Pogliese- è una condizione doppiamente difficile visto che il Comune che abbiamo trovato era già in dissesto, una circostanza che qualcuno ogni tanto dimentica. Gli incassi della Tari sono indispensabili per il Comune, che per legge deve fare fronte al pagamento per intero del servizio di raccolta rifiuti e tutti sanno che il Comune viaggia sempre sul filo del rasoio, quanto a liquidità che per due mesi ora verrà a mancare. In questo momento prevale l’esigenza di venire incontro ai cittadini che vivono un momento difficilissimo. Anche stavolta ci siamo dovuti caricare solo sulle spalle della nostra responsabilità scelte giuste e forse anche socialmente doverose, ma che purtroppo non sono supportate da risorse statali e strumenti normative adeguati, soprattutto per i comuni in dissesto che devono comunque assicurare i servizi indispensabili. I catanesi sappiano che stiamo agendo nei limiti massimi di ogni nostra possibilità con grande senso di responsabilità e continueremo a farlo con lealtà istituzionale. Ma dopo il decreto ‘Cura Italia’ ci aspettiamo a breve un provvedimento specifico del governo nazionale che si occupi degli enti locali e del loro equilibrio finanziario e di cassa, a cominciare da quelli in dissesto come il nostro, per evitare che si compromettano o addirittura saltino i servizi per i cittadini, che in questi mesi tra tanti sacrifici siamo comunque sempre riusciti a garantire”.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci