Sicilia Report
Sicilia Report

Concorso “Antonio de Curtis”, vince Francesco La Rosa con “Maledettissima Tu”

Il premio sarà consegnato il 28 aprile 2020 a Roma, nella prestigiosa “Sala della Protomoteca” del Comune di Roma

L’Associazione Amici di Totò… a prescindere! – Onlus, è organizzatrice del Concorso Internazionale Artistico Letterario “Antonio de Curtis, Totò: Principe, Maschera e Poeta”, che si svolge da anni con il Patrocinio Morale ed i Premi di importanti organi istituzionali. La XXII Edizione del Concorso Internazionale di Totò, che ha avuto inizio il 20 dicembre 2019 nella “Reggia di Carditello” a San Tammaro, in provincia di Caserta, storicamente appartenuta ai Borboni, avrà il suo momento principale e conclusivo il 28 aprile 2020 a Roma, nella prestigiosa “Sala della Protomoteca” del Comune di Roma dalle ore 15.30 alle ore 19.30. Nel corso dell’importante manifestazione saranno premiati: per la “Sezione Cinematografia”, il Regista siciliano, Francesco La Rosa, per il mediometraggio “Maledettissima Tu”, in considerazione dell’interpretazione degli attori, ma soprattutto per i contenuti che stimolano alle nuove generazioni nel perseguire il rispetto per la Legalità e per i messaggi che reiteratamente ci offre.

Bottone 980×300

Francesco La Rosa, catanese di 42 anni, è un operaio di professione, diplomato analista contabile, Cameramen e Videoperatore per diverse emittenti, coltiva il sogno nel cassetto di realizzare una sua produzione. Comincia nel 2014, girando il primo cortometraggio “Pacenzia” che arriva agli onori della cronaca italiana, perfino in una tivù della Corsica.
Fa il cameramen e il regista presso emittenti televisive siciliane, collabora con la tv nazionale di POP ECONOMY del Direttore Francesco Specchia di LIBERO.
Dopo questi primi fortunati tentativi, nel 2018 esce Maledettissima Tu, mediometraggio e sua seconda opera indipendente, che partecipa (e parteciperà) a diversi festival nazionali superando già l’ammissione al Brescia Film Festival e al Civitavecchia International Film Festival.

Questo lavoro intriso d’una trama drammatica, di un lessico vernacolare misto, racconta la storia di un bambino che crescendo e diventando uomo si ritrova suo malgrado imprigionato nella stretta fra il bene e il male. Un film che rinnova un invito rivolto ai giovani, cioè quello di stare lontani dalla delinquenza. Tra un proscenio intersecato d’amore e famiglia ed una ribalta all’insegna di una inverosimile mafiosità si insinua un innesto neomelodico malinconico, quasi rassegnato che fa da sottofondo ad un bel finale strappalacrime. La tematica principale del film risiede quindi nell’ambivalenza del bene e del male, elementi insiti in ognuno di noi, la prevalenza di uno dei quali si compie a prescindere dall’influenza dell’ambiente in cui si cresce e dell’educazione che si riceve. Il protagonista “Angelo” può essere visto come le facce di una stessa medaglia nelle quali l’identità influenza le azioni, le emozioni, la sicurezza di sé e persino i sogni di una persona. La relazione padre-figlio è un’altra tematica che ricorre in tutto il film. Si sottolinea inoltre una preziosa presenza dell’Istituzione scolastica che sempre può ritrovare nella “paideia” romantica una funzione educativa esemplare che risiede anche nell’esperienza: si prende spunto dagli sbagli altrui per non commetterne altri. Fonte Sicilia Report
Nel cast vi sono alcuni personaggi di spicco: Pino Maniaci, Antonio Cannata, Sabrina Privitera. Interpretazione di brani di Alfio Patti e Nino Marchi. Musiche di Carmelo Incognito.

Le premiazioni saranno precedute dal Convegno sulla Legalità, dal titolo: “Il Rapporto tra la legge scritta e il divenire sociale” Primato o preminenza del Diritto Comunitario? che avrà inizio dopo una breve proiezione del cortometraggio “Maledettissima Tu” del Regista Francesco La Rosa, che impreziosirà il Convegno. La manifestazione sarà presentata dal figlio d’arte, l’attore Antonio Angrisano, figlio del famoso Franco Angrisano. Moderatore sarà la giornalista dell’Adnkronos, la Dott.ssa Rossella Guadagnini. I Relatori del Convegno saranno: il Dott. Ernesto Lupo, Primo Presidente Emerito della Corte Suprema di Cassazione; il Dott. Vitaliano Esposito, già Procuratore Generale della Corte Suprema di Cassazione; il Dott. Tito Lucrezio Rizzo, già Consigliere Capo Servizio e Responsabile della Sicurezza della Presidenza della Repubblica; l’Avv. Mauro Vaglio, già Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma. Ospite d’Onore, Don Aniello Manganiello dell’Istituto Religioso “Don Guanella, già Parroco di Scampia (NA), è Fondatore, nonché Presidente dell’Associazione “Ultimi” – Onlus, contro le mafie e per la legalità. (Il presidente Avv. Alberto De Marco)

Commenti