Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Calcio: l’orgoglio nazionale diventa donna

Per la prima volta nella storia Rai1 trasmetterà in diretta una partita della Nazionale femminile di calcio

13

Il calcio, quello sport, quando è sport, considerato di massa e la massa si sa ha bisogno di obiettivi solidi e concreti per rinforzare la propria coesione identitaria. Il campionato mondiale femminile, ma soprattutto la Nazionale azzurra (che dovrebbe esser rosa? Ma quella è un’altra storia ndr.) ha incassato tre milioni e mezzo di ascolti per il match d’esordio contro l’Australia e quasi tre milioni per la gara contro la Giamaica. Il Mondiale della Nazionale allenata da Milena Bertolini è stato veramente un’esperienza sorprendente e si temeva una diffusa mancanza di esperienza e scarsa familiarità con eventi di questa portata. Forte di questi numeri martedì sera la Nazionale femminile di calcio approderà addirittura alle ore 21:00, per la prima volta nella storia, in diretta sulla prima Tv nazionale: Rai1 . E pensare che nel 1933 il fascismo vietò il calcio giocato dalle donne e come si legge dalle note del Corriere della Sera “fu fondato a Milano il «Gruppo femminile calcistico», il primo club di donne che poter giocare scendevano in campo con delle sottane. Considerato uno spettacolo indecente secondo il Coni e il Regime, e come si legge sul Littoriale, solo dopo otto mesi vietarono alle ragazze di giocare a calcio, almeno, pubblicamente.”

Ma stasera la partita si fa importante, un avversario storico, di quello da Coppa del Mondo, ideata e disegnata sempre da un italiano, l’orafo e scultore italiano Silvio Gazzaniga e prodotta dall’azienda Bertoni Srl, un avversario che ai maschi italiani fa sognare il 1982 di Bearzot e Paolo Rossi: il Brasile. Oggi tutto cambia però, e meno male, le trasformazioni ci danno altre emozioni, non le stesse, diverse, adattate ed adagiate ad un simbolo: quello della Globalizzazione. Anche il nome della coppa cambia, oggi conosciuta in tutto il mondo come FIFA World Cup.

Non mi spaventano i cambiamenti, quelli dei diritti  e degli uguali, della voglia di fare qualsiasi cosa nel rispetto dell’altro e dove l’eguaglianza aritmetica si sposa con la geometria, all’interno di una partecipatività totale, sportiva ed obiettiva. Gli inutili discorsi, le banali demagogie non fanno per me, l’emozione è personale quasi quanto la responsabilità penale, ma l’associazione no, quella diventa coesione, voglia di stare insieme, diversi e uguali ma con la voglia di vivere e divertirsi spensieratamente. Lo Sport, quello con la “S” maiuscola, che può, anche dal calcio, essere rappresentato, ha voglia di giocare una sana competitività, mai preponderante ma “accogliente”.

E allora, da italiano, che sia un nuovo ritorno del calcio azzurro e che si vinca sportivamente, senza arroganza, nessuna prepotenza e che vincano, meritatamente, le ragazze migliori.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci