Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Al 2LAB presentazione del libro “Solo un fiume a separarci – Dispacci dalla frontiera”

10

CATANIA – Francisco Cantù venerdì 17 maggio, alle ore 20:30, presso 2LAB  – Piazza Cardinale Pappalardo (ex Duca di Genova) 23, Catania – contenitore di scambio e condivisione, idee e progetti che scelgono la via dell’acceso ai beni artistici e culturali più che del possesso – presenta il suo libro “Solo un fiume a separarci. Dispacci dalla frontiera” (Minimum fax, traduzione di Fabrizio Coppola, pp. 300). Un vero e proprio excursus sull’emigrazione, un approfondimento meta-sociologico sui confini e le frontiere che girovaga tra i poveri resti di esistenze anonime e nazionalismi variegati che evidenziano la perfetta inutilità e pericolosità delle politiche per la separazione delle famiglie adottate al confine. Vedi ns. approfondimento. Tra la presentazione vera e propria del libro, la proiezione del video “The last barrier“ di Mattia Stompo e i dialoghi con l’autore di Giuseppe Lorenti presidente dell’associazione culturale “Leggo. Presente indicativo” e il prof. Guido Nicolosi, presidente del corso di laurea magistrale in Sociologia delle reti, dell’informazione e dell’innovazione istituito presso il Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell’Università degli studi di Catania, c’è la possibilità di conoscere una realtà ormai in triste espansione: l’inutile ignorante e disumana mancanza di empatia verso i meno fortunati e gli immigrati, che si sta manifestando in parte, in una sorta di etnotribalismo xenofobo. Presente tra le altre cose, la Fondazione Xenagòs – in greco, guida dello straniero – che ha sede a Catania e sede strumentale a Roma la quale esplica le proprie finalità di solidarietà sociale impegnandosi nella ricerca, nello studio e nell’elaborazione di proposte e soluzioni relative ai fenomeni legati all’integrazione sociale, abitativa e sanitaria e all’immigrazione nel suo complesso, sia in Italia che in ambito europeo e internazionale, al fine di promulgare all’estero nuovi modelli di welfare state e favorire lo sviluppo socioeconomico dei paesi terzi, in particolare dei paesi di origine dei migranti.
INGRESSO GRATUITO.
L’autore:
ha lavorato come agente della polizia di frontiera degli Stati Uniti dal 2008 al 2012, nei deserti dell’Arizona, del New Mexico e del Texas. È stato insignito del Pushcart Prize e del Whiting Award nel 2017. I suoi lavori sono stati pubblicati su Best American Essays, Harper’s, n+1, Orion e Guernica. Vive a Tucson, in Arizona.
Il libro:
pronipote di immigrati, messicano di origine ma americano di nazionalità, Francisco Cantú si potrebbe considerare un esempio di perfetta integrazione. Laureato in diritto internazionale, borsista Fulbright, traduttore, sembrava avviato a una brillante carriera come giornalista e studioso. Finché un giorno, sfidando le paure e le perplessità della sua famiglia, ha deciso di iscriversi all’Accademia di polizia per diventare una guardia di frontiera, convinto che, per capire fino in fondo il fenomeno dei flussi migratori e le storie di ordinaria e straordinaria umanità che lo sottendono, non bastassero i libri, i manuali o le statistiche, ma fosse necessario vedere le cose in prima persona.
Sono proprio gli incontri con i nuovi «dannati della terra» che Cantú racconta in Solo un fiume a separarci: i suoi «dispacci dalla frontiera», pubblicati per la prima volta nel febbraio 2018, mentre l’amministrazione Trump rilanciava con insistenza il progetto di un muro tra Stati Uniti e Messico, hanno suscitato clamore e un dibattito appassionato, che ha portato il libro alle prime posizioni nella classifica dei bestseller. (Info: Minimum fax editore)

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci