Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Dissesto idrogeologico: Palermo, al via la “Fase due” per Monte Gallo

Tempo di lettura: < 1 minuto

PALERMO – Scatta la “Fase due” per Monte Gallo, il promontorio che si erge a nord-ovest di Palermo tra le borgate marinare di Mondello e Sferracavallo. In attesa di acquisire il progetto per il consolidamento del versante che si affaccia sul lungomare di Barcarello, l’Ufficio contro il dissesto idrogeologico ha già pianificato l’intervento che servirà a mettere in sicurezza anche gli abitati di Partanna e di Tommaso Natale.
La Struttura commissariale, guidata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, ha infatti pubblicato la gara per affidare le indagini geologiche e geotecniche e la progettazione esecutiva. Subito dopo, gli uffici diretti da Maurizio Croce potranno avviare le procedure per fare partire i lavori che serviranno a scongiurare, anche per quest’altra porzione di montagna, il rischio crolli.

Si tratta, in particolare, dei pendii che sovrastano le via Rosario Nicoletti e la via Spinasanta: una serie di pareti rocciose gravate da numerose fratture che le infiltrazioni d’acqua, con il passare degli anni, hanno reso sempre più instabili. Ed è ormai con una certa frequenza che alcuni piccoli blocchi si staccano finendo a ridosso della strada e delle case sottostanti. Da qui la necessità di intervenire con imbracaggi di reti metalliche e, più a valle, con barriere paramassi di tipo elastico a medio assorbimento di energia. Soluzioni, comunque, che saranno i tecnici che si aggiudicheranno l’appalto a dovere definire. Le offerte potranno essere presentate entro il prossimo 31 luglio.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci