Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Dissesto idrogeologico: Gualtieri Sicaminò, via ai lavori per strada del cimitero

Tempo di lettura: < 1 minuto

PALERMO – E’ da almeno quarant’anni che i cittadini di Gualtieri Sicaminò, Comune tirrenico del Messinese, soffrono enormi disagi in occasione di un funerale, di una ricorrenza dedicata ai defunti o di una semplice visita sulla tomba dei propri cari. Colpa di una strada dissestata e stretta che rende il percorso verso il cimitero comunale pieno di insidie. L’arteria, tra l’altro, rappresenta l’unica via di fuga dal paese in caso di eventi calamitosi e ben si comprende, dunque, l’importanza del traguardo raggiunto grazie all’intervento dell’Ufficio contro il dissesto idrogeologico, che fa capo al presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci: i lavori per ampliare e mettere in sicurezza i circa due chilometri e mezzo di asfalto sono stati assegnati e stanno per partire. Ad eseguirli sarà l’impresa “Pullara Calogero” di Favara che, per un importo di un milione e 400 mila euro, si è aggiudicata la gara indetta dagli uffici di Piazza Ignazio Florio diretti da Maurizio Croce.

Quella che attualmente è poco più di un budello, che in diversi punti si riduce ad appena due metri e mezzo, si appresta a diventare una piattaforma stradale a due corsie con una larghezza utile di sette metri. Ai bordi, inoltre, correrà una cunetta per la raccolta delle acque piovane larga un altro metro e ciò consentirà di salvaguardare il tracciato, pesantemente corroso dalle infiltrazioni. A completare l’opera, il posizionamento di muri di contenimento e di paratie di pali. Proprio l’assenza di adeguate misure di protezione provocò in passato un incidente mortale che vide coinvolto un camion precipitato nella scarpata.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci