Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Solid Rain: l’uso della pioggia solida in Sicilia

9

Potrebbe essere un’ottima soluzione per tutti gli agricoltori siciliani che ogni anno lamentano problemi di siccità per le loro campagne. Potrebbe essere un modo politicamente corretto per uscire fuori dall’egemonia da chi l’acqua la controlla. Potrebbe essere un ecologico modo per salvare il nostro pianeta dallo spreco.

Da qualche anno in Messico la siccità si combatte con la “pioggia solida”: microsfere trattengono acqua anche per un anno intero. Minuscole sfere che riescono ad assorbire una quantità d’acqua pari fino a 500 volte il loro peso e a trattenerla anche per un anno intero: sono le componenti della cosiddetta “pioggia solida”, utilizzata dagli agricoltori in Messico per contrastare l’imperante siccità. Si tratta di un polimero super assorbente sviluppato negli Stati Uniti e “riadattato” dai ricercatori messicani per essere mescolato senza problemi con il terreno. L’obiettivo è assicurare alle colture un approvvigionamento costante di risorse idriche.

La formula messicana della “Solid Rain” include il potassio, elemento che ne incrementa il potere assorbente ed evita sia l’evaporazione sia la dispersione nel terreno. Una volta “bagnata”, la pioggia solida trattiene l’acqua grazie a un gel e funge da bacino di riserva per le radici della pianta. Dopo circa un decennio di esperimenti e utilizzi estemporanei, la “Solid Rain” si è diffusa sempre più tra i coltivatori messicani diventando uno strumento insostituibile. Secondo uno studio condotto dal governo messicano, l’utilizzo della pioggia solida su terreni semi-aridi è in grado di incrementare i raccolti del 300% rispetto ai campi irrigati in maniera tradizionale.  L’idea è venuta in mente al messicano Sergio Gesù Rico Velasco, un ingegnere chimico che si è ispirato proprio ai tessuti utilizzati per assorbire la pipì dei bambini! Ma il suo obiettivo non era quello di rendere asciutti i bebè ma risolvere il problema della scarsa disponibilità di acqua che attanaglia i contadini di molte parti del mondo.

E così ha messo a punto una polverina bianca, un polimero assorbente che contiene potassio e che è in grado di assorbire una consistente quantità di acqua: 10 grammi di questo prodotto sono in grado di inglobare fino a un litro di acqua creando un gel da applicare sui terreni coltivati. Questa poltiglia trasparente – che non è dannosa per l’ambiente – favorisce la crescita delle piante in assenza di acqua. Permette di avere una riserva idrica che potrebbe durare fino ad un anno. Costo? Venticinque dollari a libbra, vale a dire circa 20 Euro ogni mezzo chilogrammo.

Alcune ricerche pare abbiano dimostrato che con questo prodotto è possibile risparmiare tempo, in termini di cura dei terreni, e acqua, nel senso che si evita l’evaporazione e la perdita per filtrazione. E soprattutto la dispersione delle sostanze nutritive, fenomeno solitamente legato alle irrigazioni. I campi gelatinati con il Solid Rain pare siano più produttivi del normale: è possibile ottenere fino a tre tonnellate di legumi anziché i consueti 500 chilogrammi producibili in condizioni di scarsità di acqua. Qualcuno però ha avanzato dei dubbi circa la possibilità che la pioggia solida possa essere la soluzione per il problema dell’aridità. Gli scienziati americani, nutrono perplessità sulla capacità di questo prodotto di trattenere acqua fino ad un anno. Sostengono che non vi sia prova scientifica di questo.

Comunque sia il Solid Rain è stato premiato dal Stockholm International water insitute e dalla Fondazione Miguel Aleman. Nel Nord America è diventato un prodotto diffuso, soprattutto per la cura di terreni con ampie estensioni di prato. Non è possibile sostenere con certezza che l’invenzione dell’ingegner Velasco abbia contribuito ad eliminare siccità e desertificazione. Ma è senz’altro un buon rimedio ecologico per risparmiare acqua. Soprattutto dove l’acqua non c’è o viene deviata e nascosta per vie sotterranee.

 

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci