25.2 C
Catania
domenica, Agosto 14, 2022
spot_imgspot_img
HomeAdnkronos newsUltimoraSpazio, Europa a caccia di pianeti simili a Terra: missione Plato supera...

Spazio, Europa a caccia di pianeti simili a Terra: missione Plato supera test critico

L’Europa andrà a caccia di pianeti simili alla Terra. La missione Plato dell’Esa ha infatti superato un ‘test’ cruciale’ e ha ricevuto il via libera a completare il processo di costruzione del satellite e del Payload. Anche l’Italia partecipa alla sfida sotto il coordinamento dell’Agenzia spaziale italiana e grazie all’impegno di team di scienziati e industrie nazionali. Plato – la missione Planetary Transits and Oscillations of stars – è la terza di classe media del programma Cosmic Vision dell’Esa ed il suo obiettivo è trovare e studiare sistemi planetari extrasolari puntando, particolarmente, sulle proprietà dei pianeti terrestri nella zona abitabile attorno a stelle simili al Sole. La missione Plato è stata progettata anche per studiare l’attività sismica nelle stelle consentendo la caratterizzazione precisa della stella ospite del pianeta, inclusa la sua età. 

Pubblicità

Asi e Inaf hanno reso noto che una commissione nominata dall’Agenzia Spaziale Europea ha sottoposto ad un esame accurato il progetto Plato e ha verificato la maturità del satellite e degli strumenti di bordo confermando così la fattibilità del programma di costruzione del satellite e la solidità del piano di produzione del Payload in cui c’è anche il contributo dell’Italia. Questo passaggio prevede la realizzazione in serie di 26 sofisticati telescopi – chiamati Plato Camera – con i quali Plato scoprirà e studierà le caratteristiche di esopianeti, anche molto simili alla Terra, e che orbitano intorno a stelle simili al Sole. L’Agenzia Spaziale Italiana e l’Istituto Nazionale di Astrofisica sottolineano che questo esame, chiamato Critical Milestone Review, è stato richiesto da Esa a causa della complessità di sviluppo associata alla produzione in serie dei telescopi.  

La revisione è stata effettuata nel periodo compreso tra luglio e dicembre 2021 da un team costituito da più di 100 scienziati e ingegneri dell’Esa divisi in due commissioni, una per il Satellite e una per il Payload. Tutti gli aspetti della produzione, dell’assemblaggio e del collaudo dei telescopi sono stati verificati con successo attraverso test sui telescopi effettuati in diverse industrie e istituti di ricerca europei. Le proprietà di altissima stabilità con la temperatura del banco ottico che alloggia i telescopi – Plato opererà a circa -90 °C – sono state verificate con una nuova tecnica di test sviluppata dall’appaltatore principale del satellite, la Ohb System Ag. I risultati sono stati presentati al comitato di revisione l’11 gennaio 2022 che ha decretato il raggiungimento dei risultati previsti.  

Raggiunto questo traguardo, ora può iniziare la seconda fase del contratto industriale guidato da Ohb System Ag come prime contractor con Thales in Francia e Ruag Space System Svizzera come parte del Core Team. “Il Team di sviluppo dei telescopi, guidato dall’Inaf, ha coordinato con grande efficacia le attività in questi due frenetici anni nonostante la pandemia abbia reso quasi impossibile visitare i laboratori dei partner internazionali” afferma con soddisfazione Luca Valenziano dell’Inaf, Project Manager delle Plato Camera. “Il traguardo intermedio raggiunto con questa Milestone ci rende orgogliosi e fiduciosi per l’impegnativa fase di costruzione degli strumenti che vedrà i ricercatori italiani in prima fila in quasi ogni ambito di questa complessa, ambiziosa missione” commenta ancora. 

La fornitura del Payload di Plato è responsabilità dell’Agenzia Spaziale Europea in collaborazione con un consorzio europeo di istituti e industria, il Plato Mission Consortium, in conformità con l’accordo multilaterale stabilito con l’Esa. Il contributo italiano al Payload è importante e articolato. Sotto il coordinamento dell’Agenzia Spaziale Italiana – che finanzia le attività industriali per la realizzazione delle parti di responsabilità italiana per la missione e fornisce il supporto al team scientifico – e la supervisione di ricercatori Inaf – ideatori del progetto ottico – le strutture opto-meccaniche dei telescopi sono costruite e sottoposte a stringenti test per la verifica delle prestazioni negli stabilimenti fiorentini di Leonardo, in collaborazione con Thales Alenia Space Italia e le pmi Medialario, Hst e Silo.  

Sempre sotto il coordinamento di Asi, e la supervisione dei ricercatori dell’Inaf, che ne realizzano anche il software, il computer di bordo che serve il Payload è costruito negli stabilimenti di Livorno dalla Kayser
Italia. Infine un team di ricercatori e ingegneri Inaf coordina le attività di sviluppo e verifica di tutti i telescopi condotte presso industrie e istituti di ricerca dei paesi europei che afferiscono al Plato Mission Consortium. Mario Salatti, Program manager di Asi per lo sviluppo della parte ottica dei telescopi, parla di Plato definendola “una missione straordinaria” perché “introduce, per certi versi, filosofie di produzione di serie nell’ambito spaziale laddove normalmente si impiegano strumenti unici, prototipi”.  

“La necessità di produrre 26 camere sostanzialmente identiche tra loro – commenta Salatti- ha posto difficoltà inedite sia sul fronte dello sviluppo di un payload così complesso, sia sul fronte del satellite che dovrà gestirlo in maniera ottimale in volo”. “La Critical Milestone Review è stato un passo necessario per Plato: il fatto di averla superata con successo dà una ulteriore carica ai membri del team per affrontare la seconda e conclusiva fase implementativa della missione” aggiunge il Program manager Asi che invia “un grande plauso al gruppo di tecnologi, ricercatori e ingegneri italiani impegnati a vario livello nello sviluppo del payload”.  

La prossima pietra miliare per la missione Plato è la Critical Design Review del satellite che si avrà nel 2023, momento in cui si verificherà il progetto dettagliato dell’intero veicolo spaziale prima di procedere con il suo assemblaggio. Attualmente il lancio è previsto per la fine del 2026 e, una volta nello spazio, Plato viaggerà verso il punto L2 di del sistema Terra-Sole, 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, in direzione opposta al Sole.  

Da questo punto Plato osserverà più di 200.000 stelle durante i suoi quattro anni di funzionamento nominale alla ricerca di decrementi regolari nella loro luce causati dal transito di un pianeta attraverso il disco della stella. Asi e Inaf spiegano che l’analisi di questi transiti e delle variazioni di luce stellare consentirà agli scienziati di determinare con precisione le proprietà degli esopianeti e delle loro stelle ospiti. 


Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

La vignetta di SR.it

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli