Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Scuola, Azzolina: “Non è posto fatato, non c’è rischio zero”  

Tempo di lettura: 2 minuti

“Abbiamo lavorato per ridurre al minimo il rischio contagio ma la scuola non è un posto fatato, asettico, dove il rischio è zero per questo abbiamo lavorato con l’Iss per avere un protocollo e stabilire cosa si fa se c’è un contagiato in classe”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina ospite de Il caffè della domenica, il nuovo programma di Maria Latella su Radio24. 

“Dal 14 la partita della scuola diventa molto sanitaria. Il caso di Roma al Marymount dimostra come il protocollo sta funzionando: inizialmente si era parlato di 65 persone che dovevano andare in quarantena, poi si è stabilito che solo 9 andranno in quarantena e seguiranno la didattica a distanza”. I docenti non possono rifiutarsi di lavorare da remoto, “le linee guida stabiliscono che se la classe è in quarantena la didattica deve continuare. Io credo ci voglia anche buonsenso, tutti i paesi europei stanno facendo così”. 

“Il primo giorno di scuola sarà un giorno molto emozionante considerato che da marzo le attività si erano interrotte – ha detto ancora Azzolina -. La temperatura si misura a casa per evitare che se ci fossero studenti malati o asintomatici possano diventare un pericolo per i compagni di avventura. Si devono evitare gli assembramenti fuori da scuola, gli istituti useranno tutti gli ingressi a disposizione”. 

La ministra ha inoltre puntualizzato che “avere più di 55 anni non significa essere fragile: bisogna avere patologie pregresse di un certo rilievo. I numeri che si erano letti, 300 mila docenti non corrispondono al vero. C’è una procedura per stabilire se un lavoratore è fragile e se deve essere sottoposto a sorveglianza speciale. Sono circolate alcune inesattezze”. 

Quanto a Salvini, ha detto Azzolina, “non ho ancora capito con quale credibilità salga in cattedra a parlare di scuola; vorrei ricordare che nel 2008 votò, da deputato, il taglio da 8 miliardi di euro alla scuola. Salvini è abituato ad ingannare ed illudere i cittadini italiani, in questi mesi l’Italia ha investito 3 miliardi per riaprire le scuole in massima sicurezza e Salvini questo lo sa. Sono disposta a spiegargli queste cose in un confronto tv diretto; vogliamo dire che fino ad ora non ha voluto ed è scappato?”.  

 

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci