Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280

Roma, Gualtieri: “Ballottaggio? Non vedo spazi per apparentamenti con M5S”

“Non vedo spazi per apparentamenti, noi andremo al ballottaggio e ci rivolgeremo a tutti i romani e anche agli elettori di Virginia Raggi, anche perché hanno creduto a delle promesse a dei progetti, molti anche giusti. In questi anni sono stati fatti dei bellissimi piani ma non sono stati realizzati”. Lo ha detto il candidato alle primarie Pd come sindaco di Roma Roberto Gualtieri, ospite di Rainews24, rispondendo ad una domanda su un possibile apparentamento con il M5s al secondo turno. Il giudizio negativo sull’amministrazione Raggi per Gualtieri è “inappellabile”. 

E sugli sfidanti, “io dialogo con tutti gli avversari, Calenda ha scelto di essere un avversario del centrosinistra perché non ha voluto partecipare alle primarie. Rispetto le scelte di tutti i candidati ma oggettivamente ha fatto una scelta diversa”. 

Sulle primarie dem, afferma inoltre Gualtieri, “c’è un grande esercizio di critica da parte di tutti gli altri partiti che non le fanno, non si pongono il problema di far scegliere a cittadini il candidato sindaco. E’ chiaro che dopo l’esperienza del Covid non si poteva immaginare di avere risultati di altre epoche. Noi siamo fiduciosi che a Roma faremo meglio, avremo un ottimo risultato di partecipazione e saremo l’unica coalizione che avrà coinvolto decine di migliaia di cittadini fin dall’inizio”. 

Poi è vero che “non è sufficiente il momento del voto ai gazebo. Il vero punto, non solo per vincere elezioni ma per governare Roma, è costruire una grande alleanza politico sociale e civica, mobilitare tutte le forze per un patto per la rinascita di Roma. Il giorno dopo le primarie farò un grande appello per costruire un programma partecipato e allargare il fronte. Allargamento, inclusione e partecipazione sarà la cifra del mio lavoro”, conclude. 


I commenti sono chiusi.