Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Gualtieri: “Errori possibili ma cercato di non lasciare indietro nessuno” 

Tempo di lettura: < 1 minuto

“Il nostro sforzo nella prima fase di impatto del lockdown è stato di cercare di non lasciare indietro nessuno”. Così il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ad Agorà. “Sono sempre possibili gli errori” spiega, riconoscendo che “probabilmente avremmo dovuto da subito cambiare le procedure per la Cassa integrazione in deroga, che si sono rivelate purtroppo lente questa è sicuramente la cosa che ha funzionato meno bene, peggio. Poi le abbiamo cambiate immediatamente”. Questa Cig è stata “una cosa straordinaria” per “tutte le tipologie lavoratori”, sottolinea. 

I primi solidi” delle risorse Ue arriveranno “nei primi mesi del 2021”, ha rimarcato Gualtieri, per il quale “Gentiloni ha ragione”, sul fatto che la riduzione fiscale non va finanziata con i fondi Ue. La riduzione delle tasse vogliamo realizzarla” ma dovrà “autofinanziarsi” e “c’è molto spazio”, ha detto il ministro. 

Sulla riforma fiscale il governo punta a proseguire “con il taglio del cuneo fiscale per aumentare salari e stipendi”, aggiunge Gualtieri. Inoltre l’esecuitvo intende “realizzare l’innovazione dell’assegno unico che definiremo, uno strumento più potente per sostenere la famiglia e la genitorialità”. La riforma dovrà essere “autofinanziata”, attraverso una riduzione delle tax expenditure e la lotta all’evasione, conclude. 

 

 

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci