Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

“Ecco quante tasse paga Trump” 

“Donald J. Trump ha pagato tasse federali sul reddito per 750 dollari nell’anno in cui è stato eletto presidente. Nel suo primo anno alla Casa Bianca, ha pagato altri 750 dollari”. Il New York Times, nella sua edizione online, accende i riflettori sulla situazione fiscale di Donald Trump. Le tasse del presidente, che The Donald finora ha tenuto ‘riservate’, sono da tempo argomento di discussione e polemica negli Stati Uniti. Secondo il Nyt, il presidente “non ha pagato per niente tasse sul reddito in 10 degli ultimi 15 anni, soprattutto perché ha registrato perdite superiori al denaro guadagnato”.  

“Mentre il presidente è impegnato nella campagna per la rielezione che secondo i sondaggi rischia di perdere, le sue finanze sono sotto stress, appesantite da perdite e da centinaia di milioni di dollari di debiti che ha personalmente garantito”, scrive il quotidiano, evidenziando poi il rischio di un contenzioso con l’Internal Revenue Service “sulla legittimità di un rimborso fiscale di 72,9 milioni di dollari che ha chiesto e ricevuto dopo aver dichiarato enormi perdite. Un giudizio sfavorevole potrebbe costargli più di 100 milioni di dollari”. 

I documenti, secondo il Nyt, descrivono “un uomo d’affari che incassa centinaia di milioni di dollari all’anno ma accumula perdite croniche” in una strategia che sarebbe finalizzata ad “evitare di pagare le tasse”. “I dati -scrive il Nyt- mostrano che” Trump “dipende sempre di più dai soldi prodotti da aziende che lo mettono in potenziale e spesso diretto conflitto di interessi con il suo ruolo di presidente”. Il New York Times ha ottenuto dati sulla dichiarazione dei redditi che abbracciano più due decenni e riguardano le centinaia di società che compongono la galassia imprenditoriale del presidente. Le informazioni si riferiscono anche ai primi due anni trascorsi alla Casa Bianca ma non riguardano il 2018 e il 2019: “Ulteriori articoli verranno pubblicati nelle prossime settimane”. 

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci