spot_imgspot_img
HomeAdnkronos newsinternazionale/esteriUcraina colpisce difesa aerea Russia, il piano di Kiev

Ucraina colpisce difesa aerea Russia, il piano di Kiev

Pubblicità

(Adnkronos) –
Una strategia a lungo termine per colpire la Russia. L’Ucraina, nella guerra che si avvia a entrare nella terza estate, sta agendo secondo un copione che lascia intuire un piano ‘in prospettiva’, secondo quanto evidenzia l’Institute for the study of war (Isw), il think tank americano che monitora il conflitto sin dall’inizio e delinea gli scenari sul campo. 

Nelle ultime settimane, in particolare da quando hanno iniziato ad arrivare nuove armi fornite dagli Usa, Kiev sta conducendo azioni ripetute per colpire i sistemi di difesa aerea della Russia. In particolare, sottolinea l’Isw, nelle ultime ore le forze armate ucraine hanno colpito un sistema S-300 e due sistemi S-400 nelle aree di Belbek e Sebastopoli, in Crimea. Per le azioni contro la penisola occupata, Kiev può utilizzare anche i missili Atacms, le armi a lungo raggio fornite da Washington: gli Atacms, che hanno una gittata di 300 km, non vengono usate per centrare obiettivi militari in territorio russo. Possono, però, essere lanciati verso le basi di Mosca in Crimea. 

I sistemi di difesa aerea russi, sulla base di informazioni confermate da immagini geolocalizzate, sarebbero stati presi di mira nelle zone di Yevpatoria e Dzhankoy. L’intelligence ucraina ha confermato che sono stati usati Himars per distruggere 4 sistemi S-300 nella regione di Belgorod: non è chiaro, però, quando siano stati compiuti questi attacchi. E’ noto, invece, che un attacco con droni ha colpito la base di Akhtubinsk, nell’Astrakhan: nel mirino, in questo caso, un caccia Su-57, pedina fondamentale nel sistema aereo russo. 

 

La sistematicità delle azioni lascia ipotizzare un ‘copione’, secondo l’Isw: l’Ucraina sta preparando il terreno per attacchi aerei che verrebbero effettuati con i jet, in particolare F-16, forniti dalla coalizione internazionale. I caccia dovrebbero arrivare in Ucraina tra estate e autunno e saranno affidati ai piloti di Kiev che vengono addestrati dai paesi Nato.  

 

Non è chiaro, al momento, quale impatto potrebbero avere gli F-16 nel conflitto, soprattutto perché non sono noti i numeri e le tempistiche relativi alle forniture di caccia. L’Isw sottolinea che, inizialmente, fonti ucraine e occidentali ritenessero necessari 150 caccia per sviluppare una strategia in grado di offrire adeguati sostegno e copertura alle operazioni di terra. Più recentemente però il portavoce dell’aviazione ucraina, Ilya Yevlash, ha affermato che due squadroni di F-16 – quindi almeno 18 velivoli – sarebbero sufficienti per avere un impatto significativo. 




Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli